Choc a Giugliano: 31enne trovata morta nel bagno di casa

Alina Isayeva

Si è spenta a soli 31 anni Alina Isayeva, la giovane di Leopoli trovata morta la scorsa notte a Lago Patria, nell’appartamento di sua madre.

La ragazza è stata ritrovata senza vita dai vigili del fuoco. A lanciare l’allarme è stata la mamma, ricoverata in ospedale, che non riuscendo più a mettersi in contatto con la figlia dopo molte ore, ha chiesto alla vicina di fare un salto a casa per capire cosa fosse accaduto. La donna ha ripetutamente  suonato al citofono senza ottenere risposta. A quel punto sono intervenuti gli agenti del commissariato e i pompieri, che purtroppo, una volta aperta la porta, hanno ritrovato il cadavere riverso nel bagno.

Ancora ignote le cause del decesso. Sulla salma gli inquirenti non hanno rilevato nessun segno di violenza o elemento che faccia pensare a un gesto estremo. L’ipotesi più accreditata è che si sia trattato di un malore, ma solo l’autopsia, disposta dal pm di turno, chiarirà le cause del decesso. La salma è stata trasportata all’istituto di medicina legale di Giugliano per l'esame autoptico.

Intanto grande dolore in città per quanti la conosceva, Alina - sposata con un uomo del posto - era benvoluta da tutti.