La legge è uguale per tutti

Per la Cassazione Carlo Corvino, arrestato nel 2009 dopo un'inchiesta sulla cosca guidata da Francesco Bidognetti, è "ancora pericoloso", confermata pertanto la sorveglianza speciale.

La sezione 'Misure di prevenzione' del tribunale di Santa Maria Capua Vetere aveva applicato all'imputato la sorveglianza speciale, con l'obbligo di soggiorno a Casal di Principe per tre anni. Corvino attraverso il proprio legale aveva presentato ricorso in Cassazione, ma i giudici hanno ritenuto che "il periodo trascorso in carcere non ha inciso positivamente sulla sua pericolosità".