Aversa: "offerta bassa", prete picchia fedele dopo un funerale

prete

Ieri un prete della Diocesi di Aversa, dopo la celebrazione di un funerale presso la Chiesa della Madonna di Casaluce, ha litigato con un parente del defunto a causa di un’offerta ritenuta troppo bassa. Da quanto è emerso, l'uomo si è recato in sacrestia per lasciare una donazione, ma l'offerta di 25 euro sarebbe stata giudicata troppo bassa dal sacerdote, che non ha mancato di farglielo notare. Il congiunto dell'estinto avrebbe così precisato che essendo l'offerta libera, non aveva alcun obbligo nei confronti dell'officiante, allontanandosi subito dopo dalla chiesa.

La lite è poi degenerata fuori dalla struttura religiosa, quando il sacerdote avrebbe raggiunto, aggredito e picchiato l'uomo, perché risentito dall’importo giudicato irrisorio.

Il fedele, che ha riportato diverse escoriazioni e dolore allo stomaco, è dovuto ricorrere alle cure dei sanitari dell'Ospedale Moscati di Aversa. Per il momento la Curia ha provato a minimizzare l'accaduto, ma intanto in città, dopo la denuncia dei fatti da parte del fedele, si è sollevato una forte indignazione. In seguito alla spiacevole vicenda non sono mancate le giocate al lotto.