Aversa, atti contro i cani

cane CC0 Public Domain

Quanto denunciato in un post del 17/07/2022 nel gruppo “Aversa che non va….che non va” della distruzione di cucce di “cani liberi e accuditi” è un’azione violenta non solo nei confronti degli animali, ma dell’istituzione in generale. Secondo l’art. 822 CC., gli animali appartengono al demanio pubblico e sono, pertanto, sotto la tutela del Sindaco. Il gesto di distruzione delle cucce dei cani è da paragonare all’imbrattamento dei monumenti o ai cestini sradicati dalla strada e ai tanti atti vandalici che spesso sono denunciati dallo stesso gruppo e dai rappresentanti istituzionali. Nella fattispecie trattasi di “cani liberi e accuditi” previsti dalla recente normativa regionale in materia di randagismo e tutela animali n. 3/2019 che viene regolamentata dai comuni mediante provvedimento speciale. Non solo quindi un atto di violenza, ma anche di trasgressione di una norma comunale che avrebbe regolamentato il cane libero e accudito così come previsto dalla norma citata. Ciò che resta da accertarsi è leggere le sanzioni previste per simili atti e stabilire se c’è l’intenzione di presentare una denuncia contro ignoti per atti vandalici al pubblico demanio. Ci conforta sapere che l’assessore abbia pubblicamente dichiarato di intraprendere ogni azione possibile per reprimere simili azioni e tutelare maggiormente gli animali “liberi e accuditi”.

Ceda Onlus