Aversa: muore dopo lite in carcere, aperta un’inchiesta

carcere

Sarà la magistratura a fare luce sulla morte del detenuto di Aversa avvenuta dopo una lite con un agente penitenziario nel carcere di Salerno.  Secondo quanto indicato dall'Unione dei sindacati di polizia penitenziaria (Uspp), l'uomo, in isolamento e affetto da problemi psichiatrici, era stato accompagnato al pronto soccorso dopo essersi reso protagonista di un'aggressione con un coltello rudimentale ai danni di un agente. Sarebbe stato colto da un infarto che non gli ha lasciato scampo.

Intanto è stata aperta un'indagine, come ha reso noto il garante dei detenuti della Campania Samuele Ciambriello, il quale ha precisato: "Sono grato alla magistratura, che subito ha inviato il pm per verificare come sono andate le cose. Sicuramente l'autopsia chiarirà le cause della morte del giovane. Sono grato anche alla direttrice del carcere per avere subito messo a disposizione del magistrato le immagini delle telecamere. Il riscontro delle dichiarazioni degli altri detenuti della stessa sezione, le immagini e l'autopsia sicuramente chiariranno come e perché è morto Vittorio”.

La direzione dell'istituto penitenziario, conclude il garante "ha prontamente informato i familiari del detenuto e il suo avvocato".