San Cipriano d'Aversa: pendolari intrappolati in treno, donna si sente male a bordo

stazione malore

Ieri, 13 gennaio, si è registrato anche un malore a bordo del treno regionale che da Caserta era diretto a Formia.

A rendere noto l'episodio è stato Antonio Di Fabrizio, presidente dell'associazione "Pendolari Sannio-Terra di Lavoro". Il treno, si legge in una nota, è rimasto "bloccato in linea subito dopo Albanova per diverse ore. In questo frangente una viaggiatrice accusa un malore a bordo e viene prontamente soccorsa dagli altri pendolari tra i quali erano presenti tre infermieri militari dell'Aeronautica Militare. Prestate le prime cure e valutata la situazione del blocco della linea ferroviaria, decidono, insieme al personale di bordo, di avvisare la centrale operativa per richiedere l'intervento di un'ambulanza allo scopo di fornire le cure appropriate alla paziente. Attraverso l'intervento della Dirigenza di Trenitalia Campania e del personale della Sala operativa di Trenitalia, vengono messe in campo tutte le azioni volte ad inviare il mezzo di soccorso richiesto ed a trainare il treno verso la più vicina stazione".

"Ma la posizione del treno - precisa Di Fabrizio -   è in una zona difficile da raggiungere con l'ambulanza, cosa che complica ancora di più la situazione e solo dopo diverso tempo e grazie anche all'aiuto di uomini della Polfer, il personale sanitario riesce a raggiungere a piedi il treno ed a prestare le prime cure alla signora per poi raggiungere la stazione di Villa Literno. Durante il tempo di attesa sul treno, sia il personale di bordo che i tre infermieri dell'A.M. sono stati accanto alla signora monitorando costantemente le condizioni di salute della stessa fino all'arrivo dei sanitari. Credo che in una giornata particolare come quella di ieri, raccontare un storia che si è conclusa a lieto fine, grazie anche al lavoro sinergico di tutti, rappresenti una bella nota di colore, soprattutto per il momento emergenziale che stiamo vivendo da quasi 2 anni".