Casal di Principe: villa del boss sarà trasformata in un centro per la famiglia

ruspe 2

La villa di Nicola e Vincenzo Alfiero, considerati fedelissimi del boss Francesco Bidognetti, sarà trasformata in un centro polifunzionale per i servizi alla famiglia.

L'immobile confiscato alla camorra, situato in Via Puglia a Casal di Principe, versa in pessime condizioni ma grazie ad un progetto che verrà finanziato con oltre un milione di euro, potrà avere una nuova funzione.

Il Ministero dell'istruzione, dell'Università e della Ricerca alcuni giorni fa ha pubblicato un avviso pubblico per la presentazione di richieste di contributo per progetti relativi ad opere pubbliche di messa in sicurezza, ristrutturazione, riqualificazione e costruzione di edifici di proprietà dei comuni destinati ad asilo nido e a scuole dell'infanzia e a centri polifunzionali per i servizi alla famiglia.

Nel provvedimento si legge che "negli ultimi anni, è aumentata la necessità di assistere persone e famiglie attraverso una vasta attività che contribuisce al loro benessere tramite assistenza ai bambini, assistenza a lungo termine per gli anziani e i disabili, pulizia, sostegno scolastico, sostegno informatico. Le attuali evoluzioni della società, invecchiamento della popolazione e diminuzione dei familiari che prestano assistenza, assegnano ai Centri Polifunzionali per Servizi alla Famiglia un ruolo sempre più necessario. I servizi alla persona e alla famiglia migliorano la qualità della vita di anziani e di persone non autonome, dando anche, la possibilità a donne con figli di avere una dignitosa vita professionale e personale. La nostra Civica Amministrazione, particolarmente sensibile a questa condizione sociale, si augura di raggiungere quanto prima l’obiettivo di esserci e di assistere la propria popolazione per una condizione di vita che possa migliorare la dignità umana".

Dopo una serie di analisi e verifiche sul fabbricato di Via Puglia, si è optato per la demolizione e ricostruzione evitando il risanamento statico, quest'ultimo intervento ritenuto - dai tecnici incaricati -economicamente e funzionalmente meno vantaggioso.