Cristiani e islamici pregano insieme alla Vasca Castellone

vescovo spinillo

Il 1° settembre, già da qualche anno, è stata istituita la “Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato” estendendo una pratica già in vigore tra tutte le chiese cristiane europee. Il tema è sempre più presente alla coscienza dei popoli, che vedono il pianeta messo a estremo rischio da scelte irresponsabili. Ma non si profila ancora all’orizzonte l’inversione di rotta, che si sarebbe dovuto realizzare già tanto tempo fa e che tutte le Chiese cristiane, appunto, reclamano con crescente impegno.

Mons. Spinillo, in unione con rappresentanti della cristianità non cattolica presente nel territorio, ha guidato un momento di preghiera, che avrà eco nelle celebrazioni vespertine della diocesi di Aversa.

Alla preghiera cristiana si è affiancata quella islamica, grazie alla presenza dell’Imam Nasser della moschea di San Marcellino.

L’incontro di preghiera ha avuto luogo martedì nella piccola cappella di S. Maria Atellana nel Parco pubblico “Vasca Castellone”, luogo simbolico d’incontro territoriale con ingressi dai comuni di Succivo, Sant’Arpino e Orta di Atella.

Proprio nella Vasca Castellone, lo scorso 4 ottobre, si realizzò un momento di grande partecipazione popolare animato soprattutto dalle scuole atellane, in chiusura del “Tempo del Creato” (1° settembre -4 ottobre) che quest’anno si aprirà, per l’appunto, proprio dove si era chiuso lo scorso anno.

Questo è il segnale di ripartenza, che la Diocesi di Aversa vuole dare con senso di vicinanza innanzitutto alle scuole, chiamate, nelle prossime settimane, a reggere un peso molto gravoso, come cuore pulsante delle comunità di appartenenza.