"Remo, il Visionario con la passione per le anime"

Remo Cristallo

Un migliaio di persone, provenienti da tutta la Campania, nel pieno rispetto delle prescrizioni anti-Covid, nella serata di sabato 25 luglio hanno partecipato ad Aversa, nell’area Oasi della Chiesa “Nuova Pentecoste” di Aversa , alla presentazione del libro di Alessandro Iovino sulla figura di Remo Cristallo, pastore ed apostolo evangelico, fondatore del ministero Nuova Pentecoste, scomparso nel 2017.
Presenti alla serata oltre trenta pastori e rappresentanti di chiese, tra cui Michele Passaretti, (successore di Remo Cristallo e attuale presidente del Movimento Nuova Pentecoste e della Consulta Evangelica), i decani Michele Romeo (Napoli) e Giovanni Traettino (Chiesa della Riconciliazione, Caserta).
Il libro "Remo, il Visionario con la passione per le anime", edito da MultiMedia editore, si sostanzia in una intervista-testamento rilasciata a Iovino e nella quale ha lasciato un messaggio spirituale per la Chiesa Evangelica in Italia. Siamo di fronte a “una figura cruciale del mondo evangelico italiano”, come l’ha definito Massimo Introvigne, direttore del Cesnur.
Orfano di guerra, Remo Cristallo ebbe un’infanzia difficile, ma una conversione radicale cambiò la sua vita che decise di dedicare a Dio. "La figura di Remo Cristallo - ha ricordato Iovino dal palco - si inserisce a pieno titolo nel filone dei pionieri Pentecostali che hanno scritto la storia dell'evangelismo italiano: uomo di fede, grande comunicatore, è stato un 'visionario' che ha lasciato una preziosa eredità spirituale alla Chiesa Evangelica italiana".
Di certo, come amava dichiarare il pastore Cristallo, il suo spettro di azione è stato “dall’Italia per l’Italia, l’Europa e il Mondo”, partendo proprio dalla città di Aversa, città mai esclusa dalla sua opera. Basti ricordare che la casa editrice fondata negli anni settanta si chiamava E.P.A. (Edizioni Pentecostali Aversa), a testimonianza di un forte attaccamento a questo territorio, dove per il suo apostolato è radicata una comunità di fede con un bacino di utenza di diverse migliaia di persone.
Ancora una volta, come tante altre nei cinquanta anni della sua storia, la chiesa Nuova Pentecoste di Aversa si è rivelata testimonianza nazionale ed internazionale di un impegno profuso per i deboli e bisognosi, senza mai ignorare la forza della predicazione del Vangelo. La cittadinanza ha voluto testimoniare la simpatia a questa comunità di fede nonostante la scarsa attenzione che l’amministrazione comunale manifesta nei suoi confronti e verso i suoi aderenti.