Giuglianesi accusati di rapina a Siena

carabinieri

I carabinieri della compagnia di Siena hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal gip del tribunale della città toscana a carico di un 26enne residente a Giugliano accusato di essere responsabile di una rapina insieme ad un 38enne e un 41enne anche loro giuglianesi ma denuciati a piede libero per rapina aggravata in concorso. Sono accusato dell'assalto avvenuto nel maggio del 2019 ai danni di un istituto bancario nel comune di Sovicille (Siena). Le indagini, condotte dai militari della stazione dei carabinieri di Rosia (Siena) e coordinate dal sostituto procuratore Sara Faina, sono state avviate a seguito di una richiesta di aiuto al 112 effettuata da un dipendente della filiale dell’istituto Mps che segnalava che tre soggetti armati si erano appena allontanati dopo aver asportato del denaro. Prima di fare irruzione nell’istituto i rapinatori, armati e parzialmente travisati, avevano anche costretto una donna, impegnata in un prelievo allo sportello bancomat, ad entrare in banca e consegnare il denaro.