Aversa: assalto alla Banca, nuovi elementi sul colpo da film

rapina banca banda

Emergono nuovi elementi sul colpo da film avvenuto all’alba di venerdì ai danni della filiale Unicredit, situata in Piazza Vittorio Emanuele ad Aversa. Ad agire sarebbero stati 15 ladri professionisti.

Il commando, che ha organizzato tutto nei minimi dettagli, oltre ad aver chiuso gli accessi al centro normanno, collocando camion e auto, avrebbe manomesso i semafori all'incrocio tra Viale della Libertà e Via Diaz. Entrambi le strategie sono state utilizzate per bloccare il passaggio alle forze dell'ordine, che come era stato immaginato, sono state allertate dai residenti, appena udito il boato generato dalla distruzione dell'ingresso dell'istituto di credito con un braccio meccanico.

Con lo stesso braccio usato per infrangere i vetri della filiale, i delinquenti  hanno caricato sul camion la cassaforte a due ante che conteneva le 90 cassette di sicurezza. 

L'intero colpo, con sottrazione delle cassette dal valore di 2 milioni di euro, è durato meno di 10 minuti.

Per il blocco della mobilità è stato parcheggiato un camion sotto l’Arco dell’Annunziata, un tir nei pressi del Parco Pozzi, un’auto a poca distanza dal Municipio e, infine, un altro autoarticolato vicino Piazzetta don Diana.

Subito dopo il furto, i ladri hanno fatto perdere le proprie tracce scappando verso la stazione ferroviaria, a bordo di una Panda Bianca e al mezzo pesante che trasportava il braccio meccanico.

I veicoli utilizzati per bloccare la città e darsi alla fuga sarebbero inoltre, stati rubati nelle ore precedenti all'assalto.

AVERSA: ASSALTO ALL'UNICREDIT, UNO DEI RAPINATORI VISTO IN FACCIA

COLPO DA FILM ALLA BANCA, STRADE BLOCCATE DA CAMION E AUTO