andrea sagliocco

Ha lasciato gli arresti domiciliari, dopo oltre 3 mesi, l'ex sindaco di Trentola Ducenta, Andrea Sagliocco. Il giudice per le indagini preliminari Santoro, del tribunale di Napoli Nord, ha accolto l'istanza presentata dai difensori dell'oculista 45enne, e disposto la sostituzione della misura cautelare della detenzione in casa con l'obbligo di firma.

Sagliocco si trovava ristretto ai domiciliari dallo scorso 28 giugno, quando nel periodo in cui era in carica da circa un anno come primo cittadino, fu raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare nell’ambito dell’inchiesta condotta dalla Procura di Napoli Nord di Aversa su una presunta corruzione all'interno della casa comunale. L'inchiesta portò all’esecuzione di 15 misure restrittive nei confronti di amministratori pubblici, dipendenti comunali, imprenditori ed esponenti delle forze dell’ordine.

I reati contestati a vario titolo agli indagati vanno dal falso in atto pubblico alla turbata libertà nel procedimento di scelta del contraente, fino al peculato e al favoreggiamento.

Dopo l’arresto, Sagliocco rassegnò le dimissioni da sindaco, decretando lo scioglimento prematuro del Consiglio comunale e l’avvio della fase di commissariamento.

TRENTOLA DUCENTA: CHIUSE LE INDAGINI, L'EX SINDACO ED ALTRI 19 RISCHIANO IL PROCESSO

TRENTOLA DUCENTA: REVOCATE ALCUNE ORDINANZE, L'EX SINDACO RESTA AI DOMICILIARI

ARRESTATO IL SINDACO DI TRENTOLA DUCENTA, IL SECONDO IN QUATTRO ANNI