Aversa, corteo contro rifiuti e veleni

fuoco rogo ecoballe

Olte duemila persone, molte vestite di nero come se fossero in un corteo funebre, altre con mascherine  ed altre ancora con face nere al braccio, domenica pomeriggio  hanno preso parte ad Aversa ad una marcia di protesta silenziosa organizzata via web dal movimento civico "Terra mia" contro rifiuti e veleni nella "terra dei fuochi". Slogan della manifestazione "Siamo tutti morti". Al passaggio del corteo, partito dal Parco Pozzi e conclusosi all'Arco dell'Annunziata, molti commercianti hanno abbassato le saracinesche e le campane di alcune chiese hanno suonato "a morte". Era presente anche il vescovo di Aversa, Angelo Spinillo. Niente striscioni e bandiere di partiti politici. Alcuni partecipanti avevano anche le foto di parenti e conoscenti morti di cancro.