Jommelli scuola Fuori di zucca

Grande attesa tra docenti e studenti del Liceo Statale “Jommelli” di Aversa e non solo. E’, infatti, in programma l’evento conclusivo del progetto “I linguaggi della vita” nell’ambito del programma “Scuola Viva”, quello che vedrà la diffusione dei risultati che l’intera comunità scolastica del Liceo Statale N. Jommelli di Aversa ha fortemente voluto programmare al termine della terza annualità e che si terrà mercoledì 10 luglio 2019 presso la fattoria sociale Fuori di Zucca, con inizio alle ore 18.30. Nel famoso istituto statale normanno si recherà, su invito, anche il Sindaco del Comune di Aversa, Alfonso Golia. Con dedizione continua i docenti sono si è impegnati per offrire al territorio un ulteriore momento di aggregazione, di socializzazione e di crescita culturale.

Il progetto, finanziato dalla regione Campania è alla sua terza annualità. è teso ad ampliare l’offerta formativa e, nel contempo, a sostenere un’intensa azione di apertura delle istituzioni scolastiche al territorio contro il fenomeno della dispersione scolastica. La scuola è rimasta aperta di pomeriggio e anche d’estate, consentendo agli studenti di far emergere potenzialità e attitudini grazie anche al coinvolgimento di enti, associazioni e aziende locali. Quattro moduli tematici di 60 ore cadauno, organizzati in laboratori che hanno spaziato dal potenziamento delle competenze linguistico-espressive a quelle tecnico/professionali, fino ai laboratori tematici di cultura ambientale. Tutte iniziative gratuite aperte al territorio, in nome della battaglia alla dispersione scolastica.

Al convegno di chiusura delle attività interverrano tra gli altri il Dirigente scolastico dello “Jommelli” Rosa Celardo e il coordinatore del progetto, prof. Ettore Passarelli, che ha supportato con incessante impegno l’azione che il collegio dei docenti ha voluto mettere in campo. Ma  saranno presenti anche i partner, tra cui Giuliano Ciano, Presidente della Cooperativa “Un fiore per la vita”, e gli studenti, veri protagonisti del progetto, che mostreranno i prodotti finali realizzati.

Durante la manifestazione si potranno degustare prodotti bio realizzati dalle cooperative del consorzio NCO (Nuova Cooperazione Organizzata). I prodotti sono la rappresentazione di un riscatto ambientale e sociale poiché prendono vita su beni comuni e su terreni confiscati alla criminalità organizzata, attraverso persone inserite in percorsi terapeutici riabilitativi o educativi.