Processo ai fratelli Cosentino, confermata assoluzione in Cassazione

nicola cosentino

La seconda sezione penale della Corte di Cassazione ha confermato la sentenza di assoluzione di secondo grado per l’ex sottosegretario all’Economia, Nicola Cosentino, nel procedimento che vedeva coinvolta l’Aversana Petroli, la  società che gestiva insieme ai fratelli Antonio e Giovanni.

Secondo la Dda di Napoli, l'azienda, fondata dal padre dell'ex sottosegretario all’Economia del governo Berlusconi, sarebbe stata avvantaggiata illecitamente ai danni della società di un altro imprenditore, Luigi Gallo, accusatore dei Cosentino insieme all'ex primo cittadino di Villa Di Briano, Raffaele Zippo.

Tra gli episodi contestati vi sono le presunte pressioni fatte dai fratelli affinché il Comune di Villa di Briano negasse l'autorizzazione alla richiesta di apertura di un distributore di benzina avanzata da Gallo, e i legami con la prefettura di Caserta, che secondo la Procura Antimafia, nel 2006, annullò l'interdittiva antimafia a carico dell'Aversana Petroli, nonostante il provvedimento fosse stato confermato da una sentenza del Consiglio di Stato.

L'inchiesta portò, il 3 aprile del 2014, oltre all’arresto dei tre fratelli imprenditori, anche di funzionari pubblici e dipendenti della Q8, tutti accusati, a vario titolo, di estorsione e concorrenza illecita, aggravati dal metodo mafioso.

In primo grado, l’ex politico era stato condannato dai magistrati del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, a 7 anni e sei mesi di galera, mentre ai fratelli Giovanni e Antonio erano state inflitte rispettivamente condanne a 9 anni e mezzo e 5 anni e 4 mesi. Sentenza ribaltata in appello a settembre dello scorso anno, con una sentenza di assoluzione per tutti gli imputati.

Assolti anche il funzionario della Regione Campania Luigi Letizia, condannato in primo grado a cinque anni e quattro mesi, i dipendenti della Q8 Bruno Sorrentino e Giovanni Adamiano, entrambi condannati in primo grado a tre anni e sei mesi, e un imprenditore ritenuto vicino al clan Zagaria che aveva ricevuto in primo grado sette anni.

CASO COSENTINO: COLPO DI SCENA, CHIESTA LA PERIZIA PSICHIATRICA PER L'EX SINDACO DI VILLA DI BRIANO

INCHIESTA P3, 10 MESI A COSENTINO. RISARCIMENTO SIMBOLICO PER CALDORO

COSENTINO TORNA IN LIBERTÀ

PROCESSO CARBURANTI: COSENTINO CONDANNATO A 7 ANNI