Tony Essobti Badre

E' stato fermato dai poliziotti del commissariato di Afragola e della squadra mobile di Napoli, con l’accusa di omicidio volontario e tentato omicidio aggravato Tony Essobti Badre, 24enne che lavora come ambulante. Nei confronti del giovane, nato ad Acerra da padre tunisino e madre italiana, è stato emesso questa mattina all'alba dal pm Paola Izzo della Procura di Napoli Nord di Aversa, un provvedimento di fermo. L'uomo, secondo gli investigatori, nel pomeriggio di domenica avrebbe picchiato fino ad uccidere il piccolo Giuseppe, di soli 7 anni, figlio della sua compagna 30enne. Il bimbo è stato trovato morto all’interno dell’abitazione della donna situata in Via Marconi  a Cardito. Secondo le prime ricostruzioni Tony Essobti Badre si sarebbe accanito contro il bambino di 7 anni e la sorellina di 8 anni, colpendoli con i pugni e perfino con una scopa, che è stata sequestrata. 

Gli agenti, che ieri sera sono entrati nella casa degli orrori, allertati dai vicini di casa della donna, preoccupati dalle urla, hanno trovato il piccolo Giuseppe senza vita su un divano e la sorella più grande con il volto completamente tumefatto. Nella casa era presente anche un’altra bambina, di 4 anni, per fortuna illesa.

Il 24enne ieri sera è stato portato in caserma, dove interrogato dai poliziotti ha raccontato di un incidente domestico, che a suo dire avrebbe determinato la caduta accidentale dei bambini dalle scale.

Intanto, resta ancora ricoverata la sorella maggiore della vittima, che fortunatamente non rischia la vita. È stata proprio la bambina a riferire che a picchiarli sarebbe stato il compagno della mamma.

I residenti della zona hanno raccontato che in passato non c’erano state avvisaglie, che avrebbero potuto far intuire un così drammatico epilogo. A confermare la stessa versione anche  il sindaco di Cardito, Giuseppe Cirillo, il quale ha riferito di conoscere bene la famiglia del 24enne.

"Proclamerò il lutto cittadino nel giorno dei funerali e tutta la comunità di Cardito sarà la famiglia dei due fratellini della vittima", ha dichiarato il sindaco. La data dei funerali non è stata ancora fissata.

ORRORE A CARDITO, BIMBO UCCISO A SUON DI PERCOSSE, GRAVE LA SORELLINA