arresto polizia

Un uomo di 33 anni, è stato arrestato dalla polizia con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e detenzione illegale di pistole e munizioni.

Gli  agenti del commissariato di Aversa, sono intervenuti in un’abitazione situata in Viale Europa, in seguito ad una segnalazione riguardante una lite in famiglia. I poliziotti,  giunti sul posto hanno provveduto a placare gli animi e ristabilire la calma tra i parenti. Subito dopo diversi familiari hanno riferito agli agenti di essere stati aggrediti dal 33enne. In particolare la moglie di quest'ultimo, ormai esausta dalle continue tensioni familiari, ha raccontato di subire continui maltrattamenti da parte del marito, che ha descritto  come un individuo violento e dedito al consumo e alla vendita di sostanze stupefacenti.

In un caso il consorte l’avrebbe minacciata puntandole una pistola alla tempia. Episodi di minacce e violenze sarebbero stati compiuti dal 33enne anche ai danni della propria madre e dei suoceri. Alla luce dei fatti emersi, gli agenti hanno effettuato delle perquisizioni sia nell’abitazione coniugale che in quella materna, a seguito delle quali hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro 59 dosi di cocaina destinate allo spaccio, una pistola con matricola abrasa, una pistola risultata provento di furto e circa 120 cartucce.

Sulla base degli elementi acquisiti, il 33enne, risultato avere numerosi precedenti per reati come rapina, ricettazione e detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente, è stato ammanettato, su disposizione della Procura di Napoli Nord, e rinchiuso nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.