Paura a Caivano: 19enne sequestrato da un drogato

carabinieri auto arresto

Un giovane di 19 anni sarebbe stato sequestrato una notte intera da un tossicodipendente di 31 anni e costretto a fare avanti e indietro per quattro volte tra il comune di Maddaloni e il Parco Verde di Caivano, per acquistare stupefacenti. Il giovane ha denunciato la vicenda ai carabinieri che, su disposizione del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, hanno provveduto all'arresto del 31enne.

Dalle indagini è emerso che nella tarda serata del 20 luglio scorso, la giovane vittima si trovava in un noto bar di Maddaloni per acquistare le sigarette, quando è entrato nel veicolo per andar via, con lui però, si è introdotto anche il tossicodipendente, che prima gli ha bloccato il braccio e poi si è fatto consegnare lo smartphone.

Il 31enne lo avrebbe costretto per ben quattro volte a dirigersi al Parco Verde, dove oltre ad acquistare crack  avrebbe venduto anche il telefonino sottratto alla vittima. I soldi ottenuti dalla vendita del cellulare sarebbero stati riutilizzati per acquistare altro stupefacente. L'incubo per il 19enne è terminato solo quando è finita la benzina, poiché l'arrestato si sarebbe dileguato facendo perdere le proprie tracce. A quel punto il giovane, risultato essere incensurato e di buona famiglia, ha denunciato alle forze dell'ordine la sua terribile odissea. I carabinieri dopo poco hanno identificato la persona a cui il 31enne aveva venduto il cellulare, residente proprio nel Parco popolare di Caivano.