Casandrino, morta per l'Inps e il Comune resuscita dopo due anni...

mani anziana

Si è conclude dopo circa due anni una surreale vicenda di cui è stata  protagonista una donna di Casandrino di 85 anni. L'Inps la considerava morta e dal 2016 non le versava più la pensione tanto che la malcapitata pensionata era stata costretta a fare causa, la prossima udienza era stata fissata per il febbraio del 2019. Tutto ebbe origine da un errore di comunicazione, forse dovuto ad un'omonimia, compiuto dall'anagrafe del comune di residenza.  L'ente previdenziale ha fatto sapere di aver ripristinato i pagamenti e che sta povvedendo per corrispondere gli arretrati.