Operazione in Terra dei Fuochi, maxi blitz e denunce a raffica

roghi

Una vasta operazione di controllo contro il fenomeno dei roghi dei rifiuti è stata eseguita in "Terra dei Fuochi" in particolare nei comuni di Acerra, Afragola, Camposano, Castel Volturno, Castello di Cisterna, Ercolano, Frattaminore, Giugliano in Campania, Lusciano, Maddaloni, Marcianise, Mondragone, Mugnano, Napoli, Nola, Parete, Recale, Striano e Torre del Greco.

Per effettuare gli accertamenti sul territorio sono stati necessari 80 equipaggi, per un totale di 204 unità appartenenti al Raggruppamento «Campania» dell'Esercito Italiano, al Commissariato di Polizia di Stato e al Comando Compagnia Carabinieri di Torre del Greco, alla Compagnia della Guardia di Finanza di Torre del Greco, al Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Napoli, alla Polizia Metropolitana di Napoli, alle Polizie locali dei Comuni interessati, nonché personale dell'ARPAC.

In tutto sono state controllate 19 esercizi commerciali e imprenditoriali attivi nel settore dello stoccaggio e dello smaltimento rifiuti, dell'artigianato, cantieristico navale e meccanico. Durante il blitz otto attività sono state sequestrate, mentre sono state controllate 81 persone (di cui 20 sono state denunciate all'autorità giudiziaria, 19 sanzionate e 3 lavoratori irregolari) e 51 i veicoli, di cui 6 sequestrati. Nel complesso sono state contestate sanzioni amministrative per oltre 32.000 euro.