Massacro in villa: ordine di arresto per il romeno catturato a Casal di Principe

Coniugi Martinelli Alexandru Bogadan Coltenau

Alexandru Bogadan Coltenau, 23 anni, arrestato giovedì 27 settembre vicino allo stadio dell'Albanova a Casal di Principe e ritenuto dagli inquirenti il più feroce della banda che ha derubato e massacrato di botte i coniugi Martelli a Lanciano, era rimasto in galera fino ad ora con l'accusa di riciclaggio dell'orologio rubato al medico abruzzese.

Oggi dovrebbe essere notificato al giovane, che per gli investigatori sarebbe l'esecutore materiale del taglio dell'orecchio a Niva Bazzan durante il violento assalto, il mandato di cattura per rapina e lesioni gravissime.

Contro Coltenau ci sono le dichiarazioni di almeno 4 complici, i quali lo descrivono come ideatore e organizzatore del colpo in stile "Arancia meccanica".

Dalle indagini è emerso che il 23enne, quando era ancora minorenne è stato condannato per due mesi per due rapine, alle quali avevano partecipato con diverso ruolo il fratello, due albanesi e un italiano. Anche in quei colpi era stato adoperato lo stesso sistema fatto di efferata violenza. Lo straniero nel 2014, appena maggiorenne, era stato ospitato nella struttura di Gualdo Catteneo, da dove evase facendo perdere le proprie tracce.

Adesso, la Procura indaga su altri 12 soggetti, che con diversi ruoli avrebbero sostenuto la banda della rapina di Lanciano.

RAPINA IN VILLA, LA MADRE DEL ROMENO ARRESTATO A CASAL DI PRINCIPE: «È STATO LUI? PUNITELO, DEVE SOFFRIRE»

RAPINA IN VILLA CON BOTTE E TAGLIO ORECCHIO, FERMATO A CASAL DI PRINCIPE IL QUARTO ROMENO