Rapina in villa con botte e taglio orecchio, fermato a Casal di Principe il quarto romeno

Carlo Martelli Niva Bazzan rapina Lanciano

E' stato catturato anche il quarto componente della banda ritenuta responsabile della violenta rapina, compiuta domenica scorsa all'alba in una villa a Lanciano.

Si tratta di un altro romeno, connazionale dei tre uomini - tra i 20 e i 30 anni - fermati ieri dopo un inseguimento, mentre cercavano di scappare all'estero con il bottino di 3.400 euro. Lo straniero è stato individuato dalla Polizia nei pressi dello stadio di Casal di Principe. Da quanto è emerso, il romeno aveva cercato di vendere poco prima uno degli orologi rubati alla coppia di Lanciano. 

Durante il colpo, in stile "Arancia Meccanica", Carlo Martelli e la moglie Niva Bazzan, sono stati sorpresi nel sonno dai delinquenti. I due malcapitati sono finiti entrambi in ospedale per le percosse, alla Bazzan è stato addirittura mutilato un orecchio.

La banda, secondo gli investigatori, sarebbe responsabile di ben sei furti compiuti nelle ultime tre settimane ai danni di bar, tabaccherie e benzinai nei dintorni di Lanciano. I quattro erano già monitorati da tempo mediante il gps, che purtroppo ha avuto un guasto tecnico proprio il giorno antecedente alla rapina, facendo perdere le loro tracce. 

I romeni sono accusati di rapina, sequestro di persona, lesioni gravissime e porto d'arma.