11 settembre: il giorno che cambiò la storia

bin laden

È impossibile, dal 2001, vivere un undici settembre come un giorno normale, mai più ci sarà un undici settembre qualunque. Sarà per sempre il giorno in cui l'America, la nazione che ha sempre voluto mostrarsi a tutti, non senza una certa prepotenza, come una superpotenza da temere, da rispettare, il paese leader che detta le leggi e le regole al mondo, messa in ginocchio, ferita, colpita nel suo cuore.

Le immagini dello schianto degli aerei, il crollo delle Twin Towers, i corpi che si lanciano nel vuoto e quintali di cemento che sommergono gran parte di Manhattan, hanno per sempre cambiato la vita di qualunque essere umano, occidentale, musulmano o di qualunque altra parte del globo terrestre.
Quasi 3000 morti e il doppio dei feriti.
Il mondo da allora non è più lo stesso, la percezione della sicurezza è cambiata, la nostra quotidiana routine è cambiata.
Ci sarà sempre un mondo prima dell'undici settembre e uno dopo l'undici settembre.
A distanza di 17 anni gli Stati Uniti sono
cambiati poco, l'Europa invece tantissimo, il terrorismo è entrato con forza nel nostro continente e mentre dopo tanti anni gli americani ancora cercano di sapere la verità su tutti i fatti accaduti quel giorno, in Europa abbiamo subito tanti piccoli ma dolorosi undici settembre: Londra, Madrid, Parigi, Bruxelles, Berlino tanto per non dimenticare, e purtroppo dobbiamo convivere con il terrore e l'angoscia che potrebbero essercene altri.

Giuseppina Gagliardo