Cala il sipario sulla Mostra del Cinema di Venezia

film pixabay

Come da pronostico, ha vinto il Leone D’Oro il film “ Roma” del regista messicano Alfonso Cuaron. La pellicola ha da subito convinto, infatti dopo la proiezione, in maniera plebiscitaria ha avuto i voti di tutti e nove i membri della giuria ma anche alla critica è molto piaciuto. Si tratta di un racconto autobiografico, prende il nome da un quartiere di Città del Messico dove è cresciuto il regista e racconta la storia vera della sua tata. L’ambientazione è anni ’70 ed è girato in bianco e nero.

Il Leone D’Argento per la migliore regia è stato assegnato a Jacques Audiard con “The Sisters Brothers”, film western con Joaquin Phoenix, anch’esso molto apprezzato dalla critica.

Vince il Gran Premio della critica il film “The Favourite” di Yorgos Lanthimos: pellicola ambientata nell’Inghilterra di inizio ‘700 che racconta della figura della fragile regina Anna al centro di una vicenda di potere e sesso. L’interprete femminile è Olivia Colman che ottiene anche la Coppa Volpi come miglior attrice.

Il premio come miglior attore lo ha conquistato con l’assegnazione della Coppa Volpi Willem Dafoe, apprezzatissimo Vincent Van Gogh nel film “At Eternity’s Gate” di Julian Schnabel.

Anche se il Presidente della Giuria, Guillermo Del Toro, ha dichiarato che alcuni film italiani in concorso sono andati vicino alla vittoria, resta la delusione di non aver ricevuto nessun premio. I film italiani in concorso, dal quotatissimo “Suspiria” di Luca Guadagnino a “Capri Revolution” di Mario Martone hanno ricevuto comunque molti premi collaterali e, fino all’impegnato “Sulla mia pelle”di Alessio Cremonini, incentrato sulla vicenda di Stefano Cucchi, non sono riusciti a primeggiare in nessuna delle sezioni prestigiose dei premi in palio.

Molto apprezzato per la complessità, che come afferma il protagonista maschile Alessandro Gassman non è prerogativa dei film italiani, il film fuori concorso “Una storia senza nome” di Roberto Andò ispirato ad un furto realmente accaduto in Sicilia, di un quadro di Caravaggio.

Dalla nostra Campania sono arrivati al Festival quest’anno in anteprima mondiale e fuori concorso, i primi due episodi della serie tv “L’amica geniale” dall’omonimo best sellers di Elena Ferrante. Gli otto episodi della serie tv, che presto vedremo sui canali RAI, del regista Severino Costanzo (figlio del noto giornalista Maurizio Costanzo) è stato molto apprezzato come progetto televisivo di grande qualità.

Giuseppina Gagliardo