Incendio Caivano, l’Asl lancia l'allerta: "Diossine nell’aria. Uscire il meno possibile"

fuoco rogo ecoballe

L’incendio che è divampato ieri in una ditta di stoccaggio e smaltimento di materiale di imballaggio carta e plastica, situata nella zona industriale di Caivano, sta destando molta preoccupazione per le ripercussioni sulla salute dei cittadini.

La nube tossica, sprigionata da uno degli impianti di raccolta rifiuti  più grandi del Meridione, situato nella zona industriale di Pascarola,  ha raggiunto un raggio di circa 50 km ed ha interessato tutti i comuni dell'Aversano e del Giuglianese. Sulla vicenda si è pronunciata l’Asl, che dopo aver eseguito un sopralluogo nell’area interessata dal rogo, ha fatto sapere che "Le Diossine sono presenti nell’aria ed è opportuno uscire il meno possibile". 

L'ispezione è stata effettuata ieri dalle ore 15, in presenza di: Vigili del Fuoco,  carabinieri del posto, militari dell'arma del nucleo operativo ecologico di Napoli, Polizia di Stato, Arpac di Napoli e Polizia municipale.

Dalle analisi è emerso che l’incendio ha interessato materiale in plastica e la colonna di fumo nero spigionata ha interessato numerosi comuni. "Si chiede per motivi urgenti e contingibili a tutela della salute pubblica: alla popolazione di lavare in modo efficace i prodotti agricoli; ai presidi ospedalieri di chiudere gli impianti di climatizzazione I servizi delle sale operatorie e della radiologia; di raccomandare ai responsabili dei mercati ortofrutticoli di invitare gli acquirenti a lavare in modo efficace i prodotti acquistati; di consigliare alla popolazione esposta di uscire il meno possibile al fine di evitare l’eventuale esposizione alle sostanze aereo disperse prodotte durante l’incendio; di tenere chiuse porte ed infissi per più tempo possibile."

Per il momento si è registrato un solo intossicato. Intanto, l’Arpac di Napoli ha collocato una stazione di campionamento ad alto volume per la determinazione delle diossine i cui esiti saranno comunicati alle autorità. 

Il rischio di disastro ambientale è alto e anche la possibilità che si tratti di un incendio di natura dolosa.