Come scommettere sul grande calcio: consigli per principianti e soluzioni per il gioco sicuro

pallone

Il campionato italiano è fermo per la pausa estiva, ma tra l'atteso appuntamento con i mondiali di Russia 2018, che si preparano ad entrare nel vivo nonostante la clamorosa assenza della Nazionale azzurra, e l'infuocata sessione del calciomercato estivo pronta al via nelle settimane successive alla consegna del titolo di Campione del mondo, gli appassionati del grande calcio internazionale non avranno certo tempo di annoiarsi.

                        Scommesse calcistiche: come avvicinarsi al mondo del betting online

Se la febbre per il pallone non accenna a placarsi nemmeno nei mesi estivi, lo stesso discorso vale per il brivido delle scommesse sportive: certo, oggi la schedina di un tempo è sempre più un vezzo per inguaribili nostalgici e le giocate vengono messe a segno a colpi di tap sullo schermo dello smartphone, ma il diletto del mettere alla prova intuito, fortuna e conoscenze calcistiche puntando sull'esito dei big match della giornata resta sempre lo stesso.

Tante formule di scommessa, un panorama di portali dedicati al mondo del betting sempre più ricco e la miriade di consigli presenti sul web per realizzare il pronostico perfetto e guadagnare scommettendo sul campionato di Serie A: orientarsi nell'universo del betting online può non essere semplice di primo acchito. Eppure, dilettarsi con piccole puntate sull'esito delle partite della Serie A può rappresentare un passatempo divertente, redditizio e sicuro, naturalmente avendo l'accortezza di affidarsi ad un operatore certificato e dalla comprovata serietà.

Quali sono le strategie per realizzare scommesse vincenti giocando sempre in modo sicuro? Scopriamolo insieme.

Come scegliere un bookmaker affidabile

Premessa: come accennato, scegliere con cura l'operatore (o gli operatori) ai quali fare riferimento è fondamentale. I portali di betting online non differiscono solo per le quote proposte, per i sistemi di gioco e per la fruibilità e la chiarezza dei contenuti, ma anche per i livelli di sicurezza e le garanzie offerta agli utenti. Storiche realtà italiane come SNAI, attiva nell'ambito del gioco e delle scommesse sportive dal 1990 (ben prima che il web rivoluzionasse il settore) offrono tutte le tutele assicurate dall'autorizzazione AAMS, naturalmente proponendo un'offerta variegata e al passo con i tempi e che spesso, proprio per permettere ai primi giocatori “vergini” di divertirsi con meno rischio, offrono qualche bonus (soldi gratis aggiuntivi a quelli depositati che nel caso della SNAI sono spesso molto alti), soprattutto per invogliare alla registrazione al sito, modalità di gioco innovative come quella "live" o soluzioni pratiche come l'app per smartphone e tablet.

Perché diffidare dai sistemi di gioco "infallibili"

Per approcciarsi alle strategie per realizzare pronostici e scommesse vincenti, occorre partire da un assunto: non esistono modelli infallibili. Allo stesso tempo, l'unico modo per veder lievitare i guadagni delle vincite è incrementare il rischio delle giocate. Così, l'abilità del giocatore che non insegue vittorie facili, ma ricavi importanti, consiste nel saper misurare con esattezza il rischio, commisurandolo ovviamente alle proprie possibilità.

I vantaggi del budget fisso

Tenere sempre d'occhio il budget è una delle regole fondamentali alle quali attenersi. Naturalmente, fissare un tetto di spesa massimo e tenere traccia di tutte le entrate e di tutte le uscite è importante a livello di bilancio personale, ma non solo. Basta un semplice foglio di calcolo debitamente compilato oppure una delle tante app per smartphone pensate per lo scopo e segnare perdite e vincite diviene questione di pochi attimi. In più, questi stessi strumenti sono utili per pianificare con precisione le giocate e, ad esempio, seguire con scrupolo specifici sistemi di gioco.

Mantenersi aggiornati sul campionato

Il vero segreto per azzeccare pronostici e puntate? Sapere tutto, ma proprio tutto sul campionato di calcio. Sembra una banalità, eppure saper guardare con occhio critico e in maniera oggettiva alla classifica, al calendario e alle varie statistiche che indicano lo stato di forma delle squadre offre gli indizi più importanti per centrare scommesse vincenti. Certo, sapere chi ha giocato contro chi, quali formazioni stanno lottando per la promozione o per la salvezza e quali conservano le energie in vista di un big match può offrire spunti molto interessanti, ma a volte anche indiscrezioni, infortuni e persino vicende personali dei giocatori possono influire sull'esito di un incontro di campionato.

Il consiglio? Mantenersi sempre aggiornati sulle sorti del campionato (anche seguendo i profili social di portali di settore, club, giocatori e commissari tecnici) ed essere sempre pronti a mettere a segno la propria giocata tentando di battere sul tempo i quotisti.

                        Come interpretare le quote scommessa

Il punto di partenza per avventurarsi nel mondo delle scommesse sportive consiste nel comprendere appieno il significato delle quote.

Nello stimare il moltiplicatore associato a ciascun possibile esito di un match di campionato, i bookmaker tengono conto di un gran numero di parametri: condizioni fisiche delle formazioni, percorso compiuto nella stagione, risultati dei precedenti incroci e livello di motivazione dei team, solo per citarne alcuni. L'obiettivo è semplice: proporre quote in grado di solleticare l'interesse dei giocatori, ma, al tempo stesso, inversamente proporzionali alla probabilità di quell'esito.

Così a quote maggiori, corrispondono risultati meno probabili, mentre a giocate pressoché sicure moltiplicatori molto ridotti (a volte tanto da rendere la scommessa davvero poco allettante).

Il dato significativo è che le quote associate ad un determinato evento dal bookmaker rappresentano, già di per sé, pronostici mediamente affidabili.

A partire da una quota, possiamo ottenere il valore in percentuale della probabilità che quel risultato si verifichi. Poniamo, ad esempio, che l'operatore SNAI proponga per la sfida Napoli – Juventus le seguenti quote:

1 (3,25)

X (3,20)

2 (2,30)

Il calcolo per scoprire la probabilità associata a ciascun possibile esito è il seguente: 100 / quota.

Così, la probabilità della vittoria del Napoli è pari al 30%, quella del trionfo degli ospiti bianconeri al 43% e, infine, quella di un pareggio al 31,5%. Da notare che la somma delle probabilità non è mai pari al 100%: ciò si spiega tenendo conto degli aggiustamenti che i vari gestori apportano alle quote, nell'ottica di invogliare i giocatori regalando (o limando) punti.

                        Esempi di strategie per scommettere sulle partite di calcio

Analizzati i concetti fondamentali che ogni scommettitore deve conoscere e compreso il significato delle quote, non resta che scegliere una strategia di gioco da adottare. Lasciarsi tentare dalle quote più invitanti e sfidare la sorte con una puntata generosa oppure suddividere con metodo il budget mensile, mirando a vincite piccole ma relativamente sicure?

Le puntate multiple

Un primo, semplice metodo è quello della classica scommessa multipla. Consideriamo la seguente situazione tipo: abbiamo fissato un tetto massimo di spesa mensile pari a 50 euro. Scegliamo di puntare 10 euro su una quota 5, che ci consente di ottenere una vincita massima pari, per l'appunto, a 50 euro. Invece di orientarci su una singola giocata (che peraltro offre una probabilità di vittoria pari solo al 20%), tuttavia, scegliamo di realizzare 4 puntate, selezionando quote pari all'incirca a 1,50 (ciascuna probabile al 65%). Così facendo, ci avviciniamo alla stessa vincita complessiva vista all'inizio (1,50·1,50·1,50·1,50 = 5). Con il budget a disposizione, possiamo ripetere questo tipo di giocata 5 volte al mese, recuperando completamente la spesa con una singola vittoria.

Il mito delle sure bet

Un concetto senza dubbio interessante è quello delle cosiddette "sure bet", cioè le scommesse sicure. A differenza di altri sistemi di gioco, quello delle sure bet offre il vantaggio virtuale di vittorie sicure, nonostante la complessità ad esse sottesa le renda molto difficili da attuare nella pratica.

La logica alla base delle sure bet è semplice: sfruttando le differenze a volte presenti tra le quote proposte dai bookmaker per i possibili esiti di una giocata che prevede solo due possibilità (ad esempio Gol/Nogol o Under/Over) è possibile assicurarsi un guadagno sicuro qualunque sia il responso al termine della gara. In sostanza, i valori delle due quote per esiti opposti devono presentare un'entità tale da assicurare una vincita capace di coprire anche le spese della puntata fallita.

Nella pratica, si ottiene una sure bet quando è soddisfatta la seguente condizione:

quota invertita esito 1 + quota invertita esito 2 < 1

dove la quota invertita si ottiene con la formula:

quota invertita = 1 / quota

Per chiarire, ricorriamo ad un esempio pratico. Si ponga il caso che per il match Juventus – Roma vengano proposte le seguenti quotazioni: Gol (3,80) per il bookmaker A e No Gol (1,40).

quota invertita Gol = 1 / 3,80 = 0,26

quota invertita No gol = 1 / 1,40 = 0,71

Quindi

0,26 + 0,71 = 0,97

Centrare sure bet come questa, nella pratica, è molto difficile: oltre a tener costantemente sotto controllo le quote proposte da gestori diversi per centrare la giusta combinazione di valori, è essenziale un tempismo estremo, dal momento che i bookmaker rivedono continuamente le quote pubblicate proprio per scoraggiare sistemi di questo tipo e che variazioni anche di pochi decimali possono rendere inefficace la strategia. Se a ciò si aggiunge che per ottenere una vincita davvero importante occorre investire somme ingenti, è facile capire per quale motivo le sure bet rimangano spesso solo un interessante caso di studio.