Caivano, a Parma accusato di danneggiamento uomo dei Belforte

 tribunale parma

Michele Pepe, 48enne originario di Caivano, affiliato al cartello criminale che ruota attorno alle famiglie Castaldo e Belforte, accusato di aver preso parte ad alcuni omicidi di camorra, è finito per l'ennesima volta sotto processo, questa volta l'accusa è decisamente più lieve, la Procura di Parma (Pm Massimiliano Sicilia) gli contesta il reato di danneggiamento. Stando ad un rapporto della polizia penitenziaria l'uomo avrebbe distrutto uno specchio all'interno della cella in cui era detenuto nel carcere della cittadina emiliana. La prossima udienza si terrà il 26 ottobre davanti al giudice Sebastiano Tosoni.