Mandor Jolly Cinquefrondi - Romeo Normanna Aversa 2-3

romeo normanna

Due ore mezza di partita, un primo set durato 41 minuti, un tie-break vietato ai deboli di cuore. Nella pallavolo non esiste il pareggio, ed è bella anche per questo, ma mai come in questo caso Romeo Normanna Aversa e Mandor Jolly Cinquefrondi avrebbero meritato entrambe di passare la prima fase dei play-off per arrivare in A2. In tutti e tre i match disputati, hanno offerto un volley di alto livello, deliziato il pubblico, mostrato qualità e impegno da categoria superiore. Poteva vincere chiunque, ha vinto la squadra più esperta e, se vogliamo, cinica, ma fare i complimenti al roster calabrese è doveroso. La ‘bella’ di Cinquefrondi è stata la perfetta apoteosi delle due gare precedenti. Incerta e tesa sino all’ultimo punto, fino alla fine. Senza un attimo di pausa, con la Romeo Normanna che parte bene, ma viene raggiunta e superata dai padroni di casa sul 21-19. Dal 23 pari in poi si prosegue punto a punto, con un crescendo di emozioni per l’alternanza dei set-ball e i lunghi scambi. Alla fine gli aversani hanno la meglio per 32-34, in un primo set che sembrava non finire mai. Il secondo e terzo periodo sono di marca calabrese. 25-22 e 25-19, con i gialloblu che commettono qualche errore di troppo al servizio, mentre i padroni di casa migliorano proprio in questo fondamentale. Nel quarto set c’è il ritorno della Romeo Normanna. Massimo equilibrio sino al 13-13, poi gli ospiti prendono il largo, sfoggiando il loro migliore gioco e restituendo il 25-19 agli avversari. A decidere chi affronterà la Sama Portomaggiore sarà il tie-break. L’altalena di emozioni ha il suo apice quando la Mandor Jolly Cinquefrondi va sul +2 (11-9) e Aversa chiama il time-out. La strada è in salita per i normanni, ma Bonetti, Vetrano e Mandolini, assistiti da Illuzzi, riescono a riportare i gialloblu in parità, con Corti e Testagrossa che non rischiano in battuta, mentre Nero è bravo a domare i potenti servizi di Dall’Agnol e Laganà. Inizia la sequenza di match-ball. Cinquefrondi non sfrutta quello a suo favore, grazie ad un Gavino Vetrano ancora una volta immenso al muro, la Romeo Normanna, invece, al terzo tentativo pone termine alle ostilità. Il 16-18 si traduce in una festa liberatoria per i gialloblu e sconforto per i calabresi. Seconda fase dei play-off (semifinale): mercoledì 23 maggio gara 1 fra Sama Portomaggiore e Romeo Normanna Aversa, sabato 26 gara 2 al Palajacazzi, eventuale ‘bella’ il 30 maggio in Emilia Romagna.


MANDOR JOLLY CINQUEFRONDI – Laganà 22, Limberger 16, Dall’Agnol 15, Nardi 11, Aprile 8, Bellucci 1, Chillemi (L); Varamo, Tofoli, Santacroce, Bonati, Presta, Montesanti (L). All. Antonio Polimeni, Vice All. Francesco Giglietta.


ROMEO NORMANNA AVERSA – Bonetti 25, Mandolini 23, Corti 17, Testagrossa 15, Vetrano 6, Illuzzi 2, Nero (L); Di Vincenzo, Conte, Gaetano, Krumins, Lentola, Berardi, D’Auge (L). Vice All. Antimo Del Prete.


Primo arbitro Stafano Chiriatti, secondo arbitro Marta Cavalera.