Abusi e violenze sessuali, Don Michele Barone va a processo

Michele Barone prete

Ieri, 23 Aprile 2018, è stato notificato il decreto di giudizio immediato per don Michele Barone, il sacerdote di Casapesenna, molto noto anche in tv, accusato di presunti abusi su una 13enne originaria di Maddaloni. Lo stesso provvedimento è stato notificato anche ai genitori della ragazzina e al vicequestore di polizia Luigi Schettino, tutti arrestati lo scorso 23 febbraio, dopo un servizio della trasmissione di Italia 1 “Le Iene”.

Per gli inquirenti gli esorcismi praticati da Don Michele Barone sarebbero «delle torture medievali», che avrebbero procurato alla minore anche una lesione permanente.

Contro il sacerdote inoltre, ci sono pure le accuse mosse da due ex adepte, le quali sostengono di essere state violentate sia nel Tempio di Casapesenna che durante i pellegrinaggi compiuti a Medjugorie, viaggi di fede che Barone organizzava frequentemente con i credenti.

Le due ragazze, entrambe ventenni, hanno raccontano dei riti esorcistici, per i quali il prete non era autorizzato dalla Chiesa, come chiarito dal vescovo della Diocesi di Aversa, Angelo Spinillo. Ad avvalorare le tesi delle giovani ci sarebbero anche diversi video.

La prima udienza è stata fissata per giugno dinanzi ai giudici del tribunale di Santa Maria Capua Vetere.

COLPO DI SCENA A CASAPESENNA: DON MICHELE BARONE DENUNCIA LE PRESUNTE VITTIME

CASAPESENNA: ESORCISMO SU 13ENNE, ARRESTATO DON MICHELE BARONE INSIEME AI GENITORI DELLA RAGAZZINA