Vicenzo Ruggiero, ucciso e fatto a pezzi: nuovo test del DNA sui resti ritrovati

ciro guarente vincenzo ruggiero omicidio

Il cadavere di Vincenzo Ruggiero, il 25enne di Parete ucciso e smembrato ad Aversa il 7 luglio dello scorso anno, si trova ancora a disposizione della Procura, che nei giorni scorsi ha ordinato una nuova perizia ed un altro test del DNA sui resti ritrovati.

Per il massacro del giovane attivista gay è accusato Ciro Guarente, ex marinaio 35enne, attualmente rinchiuso in carcere. Secondo gli inquirenti, Guarante avrebbe ammazzato, fatto a pezzi, cosparso di acido e murato in un garage di Ponticelli Vincenzo Ruggiero, poiché ritenuto rivale in amore.

Intanto, i familiari della vittima non riescono ancora a dare una degna sepoltura al loro congiunto.

I magistrati, coordinati dal Procuratore capo Francesco Greco, hanno infatti ritenuto opportuno ricomporre la salma ed avere la sicurezza che quei resti appartengono effettivamente al 25enne paretano, dal momento che lo smembramento e il tentativo di eliminazione del cadavere, anche attraverso l'utilizzo dell'acido, ha reso molto più complesso il riconoscimento, complicando il lavoro dei medici legali e degli esperti chiamati a dare delle risposte certe.

Infermiera conquista pazienti e colleghi per derubarli, gli amanti drogati VIDEO

Massacro Pamela, Oseghale intercettato dice alla compagna: 'Sono stato io' VIDEO

Denunce dall'Irlanda contro Don Barone: 'Obbligava vittime a bere la sua saliva' VIDEO

J-Ax: 'Inammissibile la morte di Michele Ruffino. Pure io vittima dei bulli' VIDEO