Esorcismi e violenze: sentito per cinque ore il Vescovo Spinillo

Spinillo Vescovo di Aversa

Il vescovo della Diocesi di Aversa, Angelo Spinillo, accompagnato dall’avvocato Alfonso Quarto, lunedì si è recato al Palazzo di Giustizia di Santa Maria Capua Vetere intorno alle ore 13.00  per essere ascoltato dai magistrati.  Spinillo, ricordiamo non è indagato ma è stato sentito per «informazioni testimoniali». Il suo colloquio in procura è durato oltre cinque, convocato come persona informata sui fatti per la vicenda degli esorcismi e delle presunte violenze sessuale compiute a Casapesenna. Lo scopo del lungo interrogatorio con i giudici è stato quello di cercare di chiarire alcune circostanze relative allo scandalo che ha colpito la Diocesi di Aversa con l’arresto del prete Michele Barone, attualmente rinchiuso in galera con l’accusa di avere praticato esorcismi, abusi sessuali e maltrattamenti ai danni di tre ragazze, tra le quali una minorenne di quattordici anni.

Nelle stesse ore, il giudice per le indagini preliminari, Ivana Salvatore ha revocato i domiciliari per i genitori della ragazzina, disponendo però il divieto di avvicinamento alla giovane e la sospensione della potestà genitoriale. Respinta, invece, l’istanza di scarcerazione presentata da don Michele Barone, dall'avvocato Carlo Taormina, che resta dietro alle sbarre nel penitenziario di Santa Maria Capua Vetere. Tutti gli indagati, incluso il poliziotto Luigi Schettino, hanno presentato istanza al Tribunale del Riesame e si dichiarano innocenti.

Chiesa a luci rosse: per il pm il prete costringeva al sesso orale VIDEO

Convinti di avere una figlia indemoniata, genitori rischiano la patria potestà VIDEO

Uccisa e smembrata, candeggina sui resti 'per eliminare le tracce dello stupro' VIDEO

Problema case abusive, cosa succederà con gli abbattimenti in Campania VIDEO