Diplomati magistrale, maestre in lotta incalzano Di Maio

maestre parma

Venerdì 26 gennaio 2018, dopo aver saputo che Luigi Di Maio avrebbe presenziato a Colorno (Parma) ad un appuntamento politico, abbiamo deciso di essere presenti, con una strategia poco chiara, ma convinti di far sapere che ci siamo ed abbiamo un grandissimo problema. Luigi Di Maio si è reso disponibile ad ascoltare le nostre problematiche, ribadendo più volte di conoscere l’assurda situazione dei Diplomati Magistrali e di essere anche a conoscenza dell’ingiusta sentenza emessa dal Consiglio di Stato in seduta plenaria lo scorso 20 dicembre 2017, grazie alla quale verranno licenziati circa 60.000 docenti.
Ci stiamo muovendo per portare a conoscenza i politici e la cittadinanza del fatto che entro giugno tante maestre/i si ritroveranno, dopo aver preso ruoli e lavori sicuri, ai nastri di partenza ritorneranno a fare i supplenti con incaichi pochi giorni, beffati dalle legge 107/2015 (Buona Scuola) che prevede dopo tre anni di servizio su posto vacante l’eliminazione dal circuito supplenze stabili.
Lo sgomento dei primi giorni si è trasformato in voglia di lottare, per questo coglieremo ogni occasione pubblica per perseguire il nostro obiettivo pretendendo una risposta chiara sul nostro futuro lavorativo. Non siamo più disponibili a sentirci dire: accettate, vedremo, faremo, aspettate, tranquilli, noi vogliamo solo certezze.


Coordinamento diplomati Magistrali Parma