Accusato di corruzione in 8 capi imputazione, Alfredo Romeo resta ai domiciliari

Alfredo RomeoIl Tribunale del Riesame di Napoli ha confermato l'ordinanza di custodia cautelare, effettuata l'8 novembre scorso, nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti truccati, che vede Alfredo Romeno accusato di corruzione in relazione a otto capi di imputazione.

Il riesame ha confermato gli arresti domiciliari per l'imprenditore di Cesa.

Accettate dunque, le argomentazioni dei pm titolari dell'indagine - i sostituti Henry John Woodcock, Celeste Carrano e Francesco Raffaele - che hanno ribadito l'esistenza del cosiddetto "metodo Romeo". Secondo l'accusa si sarebbe verificata una ''spregiudicata creazione di rapporti interpersonali con pubblici funzionari e rappresentanti delle istituzioni, al fine di aggiudicarsi appalti, superare disguidi o velocizzare procedure burocratiche''.

INIZIATO IL PROCESSO AD ALFREDO ROMEO

CASO CONSIP, IL RIESAME: ALFREDO ROMEO DOVEVA ESSERE ARRESTATO

LIBERATO ALFREDO ROMEO

BRACCIALETTO ELETTRONICO PER ROMEO