Mai più vittime innocenti di camorra. Incontro con gli studenti di San Cipriano d'Aversa

san cipriano daversa

Questa mattina a San Cipriano d’Aversa nell’Istituto Comprensivo ‘M. De Mare’ in via Starza, si è tenuto l’incontro con gli studenti “Mai più vittime innocenti di camorra”.
Un incontro sui temi della legalità e del contrasto alla camorra che è stato promosso da Agrorinasce, insieme al Comune di San Cipriano d’Aversa, e i due Istituti scolastici di San Cipriano d’Aversa per non dimenticare Antonio Di Bona, agricoltore vittima innocente della camorra, e le tante vittime innocenti di quella camorra che ha imperversato su questi territori. L’evento è patrocinato dalla Fondazione POLIS della Regione Campania e dal coordinamento dei familiari delle vittime di camorra della Campania . “Partiamo dalle vittime innocenti di camorra, – afferma l’Amministratore Delegato di Agrorinasce Giovanni Allucci – per far capire ai giovani studenti di quanti danni la camorra ha causato al territorio e quanti dolori hanno procurato alle famiglie. Conoscere il passato affinché non accada più nel futuro”. La giornata si è aperta con la testimonianza dei familiari di Antonio Di Bona, i figli Teresa e Salvatore, e proseguirà con gli interventi di autorevoli esponenti delle istituzioni locali e nazionali, i quali negli anni ’90 hanno conosciuto e vissuto il territorio in diversi ambiti istituzionali e professionali. Tra gli altri sono intervenuti il Sindaco di San Cipriano d’Aversa, Vincenzo Caterino, il magistrato della DNA Francesco Curcio, l’Amministratore Delegato di Agrorinasce Giovanni Allucci, il segretario della Fondazione POLIS, Enrico Tedesco, il Commissario per il coordinamento delle iniziative di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso Prefetto dott. Vincenzo Panico, e la sen. Rosaria Capacchione, membro della commissione bicamerale di inchiesta sulle mafie e le autorità locali.