Assicurazioni auto: al sud costi esorbitanti

tagliando assicurazione I dati dell’ultimo report elaborato da Ania hanno evidenziato che il settore auto per quanto riguarda le assicurazioni è stato interessato, per il quinto anno consecutivo, da un calo. Analizzando il mercato globale nel nostro Paese, il dato del premio medio, per quanto riguarda le polizze auro della Rc è risultato essere pari a 412 euro. 
 
Questo comporta una flessione piuttosto netta, che si attesta sul -5,6%, mentre se si analizzata tutto il mercato dell’auto, il calo è inferiore, e pari al -3,8%. A questi dati si aggiungono quelli che sono stati inseriti dall’Ivass nel suo consueto bollettino statistico: in Italia il 50% dei clienti paga un prezzo minore di 372 euro, con una percentuale inferiore al 90% se si considera un premio di 633 euro, e del 10% per quanto riguarda un premio inferiore a 234 euro.
 
Un dato di fatto che non può essere smentito è quello della convenienza delle polizze Rc auto nelle regioni del nord. Nel 2017, dopo una assoluta stabilità nel 2016, i prezzi relativi a questo comparto sono tornati a calare. I dati Ivass relativi al secondo trimestre dell’anno in corso mettono in evidenza una stabilizzazione del trend di diminuzione in atto. Andando a vedere i dati nel dettaglio, la diminuzione del premio medio, calcolata su base annua è risultata compresa tra il -2,2% ed il -2,4%. Nelle regioni del Nord le polizze sono più convenienti; ad esempio ad Aosta si pagano solo 301 euro di premio medio, che salgono a 305 a Biella ed a 318 a Gorizia. I 320 euro di costo annuo a Asti mettono la provincia piemontese in quinta posizione, seguita da Novara con 322 e Trento con 323,7. Il capoluogo del Trentino conferma quindi la sua ottima performance se si mette a confronto con quella delle altre maggiori città del nostro Paese.
 
Andando a vedere il confronto con gli altri territori italiani, il confronto tra il nord ed il sud vede il settentrione in chiara posizione di vantaggio; la maglia nera dell’ultimo in classifica, nel secondo trimestre dell’anno in corso, è ancora una volta di Napoli, dove il costo medio della Rc auto che è aumentato fino a 627. Un triste primato, del quale gli automobilisti napoletani e della provincia farebbero volentieri a meno. Per il penultimo posto in classifica si resta ancora in Campania, con Caserta che ha un prezzo medio di 535 euro. A seguire la Calabria, con il capoluogo di regione, Reggio Calabria, a 514 euro, poco più di Crotone, che si ferma a 510 euro e Vibo Valentia, che resta sotto la soglia psicologica dei 500 euro con un prezzo medio di 492 euro. Anche nel confronto con le regioni del centro Italia è ancora il nord a vincere; nelle regioni centrali spicca negativamente Prato, dove il prezzo medio è di 599 euro. In Toscana anche Firenze supera quota 500 attestandosi a 510, e lo stesso fa Massa Carrara con 505. 
 
Nella regione Trentino Alto Adige, sono 20.663 i contratti stipulati in provincia di Trento, con un prezzo medio di 323,7 euro, mentre in provincia di Bolzano si ha un prezzo medio di 347,2 euro con un totale di 18.174 contratti stipulati. L’analisi della situazione di Trento, posta a confronto con alcune delle principali realtà italiane, mostra ad esempio un minor costo con tutte le province del vicino Veneto ad esclusione di Belluno, che ha un costo medio delle polizze di 315,4 euro. Più alti i costi medi dai 403,7 di Venezia ai 334,6 di Rovigo, passando per i 391,1 di Padova, i 375,8 di Treviso, i 369,5 di Verona ed i 354,4 di Vicenza. Anche il confronto con Milano e Torino vede in vantaggio Trento, dato che il capoluogo della Lombardia ha un costo medio di 397,5 euro e quello del Piemonte 418,7. Passando alle altre regioni a Trieste si ha un costo medio di 357,8, a Genova di 454,3 euro, a Bologna di 457,7 euro ed a Firenze di 509,7 euro. Oltre alle già citate Napoli, Reggio Calabria e Caserta, Trento vince in convenienza anche con Perugia, che ha un prezzo di 370,2 euro, Roma con 483,3 euro, Palermo, con 421,5 Euro e Bari con 439,9 euro.
 
Unico modo per provare a risparmiare, dunque, resta quello di affidarsi alla rete magari cercando la soluzione migliore su Polizzeonline.net .