Casal di Principe: "amore" violento fra donne. Tenta di uccidere la sua fidanzata, 23enne condannata

manetteUna storia tra due giovani donne lesbiche è finita in violenza nell'Aversano. A pagare le pene per l'estrema gelosia e per la morbosità della sua fidanzata è stata una giovane parrucchiera di Villa Literno, che da tre anni subiva dalla sua compagna, una ventitreenne di Casal di Principe, percorse, botte e atti persecutori.   

 Ieri, al tribunale di Napoli nord di Aversa, è arrivata la condanna per la 23enne a sette anni di carcere per tentato omicidio e stalking, mentre è stata assolta dal reato di violenza privata. A leggere la sentenza in aula il presidente di sezione del Tribunale, Giuseppe Ciampa. Il pubblico ministero, Francesco Persico, aveva chiesto la condanna a otto anni di carcere.

Da quanto è emerso dalle indagini la ragazza a causa delle sue ossessioni, oltre a picchiare la fidanzata, non le permetteva di condurre una vita normale, vietandole di uscire, di truccarsi e di avere una vita sociale normale. Non contenta, sullo smartphone della vittima aveva anche istallato un Gps per conoscere tutti i suoi spostamenti.