Pagina Attualità

Casal di Principe: "amore" violento fra donne. Tenta di uccidere la sua fidanzata, 23enne condannata

Una storia tra due giovani donne lesbiche è finita in violenza nell'Aversano. A pagare le...
Casal di Principe:

Sant’Antimo: evade dai domiciliari per fare una chiacchierata. Beccato dai carabinieri

Un 35enne nato ad Aversa ma residente a Sant’Antimo, ristretto ai domiciliari, ha deciso d...
Sant’Antimo: evade dai domiciliari per fare una chiacchierata. Beccato dai carabinieri

Giugliano: ragazzini fanno sesso tra i rifiuti, la denuncia dei cittadini

Alcuni minori sono stati beccati in via Vicinale Gianfelice, nei pressi di via Oasi S...
Giugliano: ragazzini fanno sesso tra i rifiuti, la denuncia dei cittadini

Aversa: rapina con sparatoria in Via Mancone, derubato noto imprenditore. Una Passante si sente male

Oggi intorno alle ore 12.30 alcuni delinquenti hanno messo a segno una rapina a mano armat...
Aversa: rapina con sparatoria in Via Mancone, derubato noto imprenditore. Una Passante si sente male

Omicidio Fortuna Loffredo, Caputo violentava anche sua figlia di 3 anni e la Fabozzi taceva

Marianna Fabozzi e Raimondo Caputo Chi lha VistoUn uomo "privo di qualsiasi senso morale" e coperto da un clima di omertà, questo quanto è emerso dalle motivazioni della sentenza di condanna all'ergastolo per Raimondo Caputo, accusato di abusi sessuali e della morte della piccola Fortuna Loffredo, lanciata da un balcone di una palazzina Iacp del Parco Verde di Caivano il 24 giugno 2014.

 «Quale che sia la ragione che ha spinto Caputo all’omicidio essa si appalesa comunque aberrante e perversa, così da evidenziare una personalità priva di qualunque senso morale e rispetto per l’altro. La volontà omicida di Caputo è stata accertata in base a plurimi elementi probatori di natura univoca, tutti convergenti nel dimostrare le modalità concrete della sua condotta». Sono queste le motivazioni della sentenza pronunciata il 7 luglio scorso dalla V sezione della Corte di Assise di Napoli, racchiuse in 186 pagine che ripercorrono nel dettaglio le varie fasi delle indagini, ostacolate dal clima di omertà denunciato dai giudici, e che hanno portato la Corte ad infliggere il massimo della pena a "Titò" e a 10 anni per la compagna Marianna Fabozzi. La donna è accusata di favoreggiamento, per aver coperto gli abusi sessuali, perpetrati  anche nei confronti della figlia più piccola di 3 anni avuta proprio da Caputo.

Le parti più cruente sono quelle in cui sono trascritte alcune pagine del diario segreto della figlia più grande della donna, che ha accusato il suo patrigno di aver ucciso Fortuna Loffredo.

Per la Corte di Assise, che confuta i tentativi di crearsi un alibi da parte dell'imputato, il processo «ha fornito elementi plurimi e convincenti per affermare che il giorno dei fatti Raimondo Caputo, nella deliberata esecuzione di un atto di predazione sessuale ai danni di Fortuna, l'ha portata con sè sul terrazzo all'ottavo piano ed è rimasto con lei fino al momento della precipitazione». 

Titò viene classificato come un «sex offender», che abusava di Chicca, di sua figlia, delle figlie della compagna e di altre bimbe del Parco Verde di Caivano.

LA MORTE DELLA PICCOLA CHICCA, ERGASTOLO PER CAPUTO, 10 ANNI PER MARIANNA FABOZZI

OMICIDIO FORTUNA LOFFREDO: CHIESTO ERGASTOLO PER CAPUTO. SCONVOLGENTE LA RICHIESTA DEL PADRE DELLA BIMBA

MORTE FORTUNA LOFFREDO, IL COMPAGNO DI CELLA DI CAPUTO: "TITÒ CONFESSÒ DI AVER UCCISO LA BAMBINA"

FORTUNA LOFFREDO: BUSTA CON PROIETTILI E MINACCE AL GIUDICE DEL PROCESSO PER LA MORTE DELLA BIMBA DI CAIVANO

MORTE FORTUNA LOFFREDO. CAPUTO AMMETTE ABUSI SULL'AMICHETTA DELLA VITTIMA E ACCUSA L'EX DELL'OMICIDIO