Pagina Attualità

Far west a Giugliano: rapina finisce nel sangue, vittima gambizzata

Oggi una rapina è finita male in via Casacelle, a Giugliano.
Far west a Giugliano: rapina finisce nel sangue, vittima gambizzata

Tiziana Cantone suicida per video hot. Il gip archivia l'inchiesta: “Nessuno l’ha istigata”

Si chiude definitivamente la vicenda della drammatica morte di Tiziana Cantone, la 31enne...
Tiziana Cantone suicida per video hot.  Il gip archivia l'inchiesta: “Nessuno l’ha istigata”

Aversa: incontro delle commissioni mensa. Spiegate le macchie nere nel purè dei bambini

Si è protratto fino alla tarda serata di martedì l’incontro tra l’amministrazione comunale...
Aversa: incontro delle commissioni mensa. Spiegate le macchie nere nel purè dei bambini

Sant'Antimo: Rosa Di Domenico scomparsa a 15 anni, arriva un messaggio

Giungono buone nuove sulla scomparsa di Rosa Di Domenico, la quindicenne di Sant'Antimo sp...
Sant'Antimo: Rosa Di Domenico scomparsa a 15 anni, arriva un messaggio

Cesa: sequestrato il “Gloria Village Acquapark” per lottizzazione abusiva

Gloria Village AcquaparkQuesta mattina i carabinieri di Aversa hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, emesso dal gip del tribunale Napoli Nord, del complesso turistico “Gloria Village Acquapark”, situato a Cesa, ai confini con il comune di Aversa e Sant’Antimo.

 Il provvedimento scaturisce da un'indagine riguardante la realizzazione della struttura, dell’estensione di 51000 mq, progressivamente ampliata in virtù di permessi che, secondo l'accusa avvalorata dal gip, sarebbero illegittimi, poiché rilasciati in assenza di preventiva lottizzazione. Il complesso “Gloria Village Acquapark” è composto da un parco acquatico costituito da numerose piscine e manufatti di pertinenza, e di un ulteriore fabbricato a pertinenza commerciale ed alberghiera. Secondo quanto emerso dalle indagini, la struttura sorge, in parte,in zona in cui era necessario, procedere con il piano di lottizzazione e, in altra parte, in zona con destinazione puramente agricola.

Gli indagati sono accusati di lottizzazione abusiva, ma agli stessi è stato anche contestato il reato di violazione dei sigilli, apposti nel 2014 in occasione di ulteriori sequestri operati per opere di ampliamento realizzate in difformità, allo scopo di concretizzare ulteriori lavori edili.

La struttura è stata affidata ad un amministratore giudiziario e custode nominato dall’ufficio gip del tribunale di Napoli Nord.