Pagina Curiosità

La dea bendata arriva a Giugliano: vinti 512 mila euro al SuperEnalotto

La scorsa settimana la dea bendata  è arrivata a Giugliano, regalando 512 mila euro a...
La dea bendata arriva a Giugliano: vinti 512 mila euro al SuperEnalotto

‘Artedonna’, gioielli realizzati con materiali riciclabili

Ancora un successo per ‘Artedonna’, la rassegna al femminile dell’Associazione Politico-Cu...
‘Artedonna’, gioielli realizzati con materiali riciclabili

Due spicchi di Gambero Rosso a “La Contrada” di Aversa

esposito roberta

La bontà e il gusto dell’innovazione: “La Contrada” di Aversa ottiene i due spicchi di Gambero Rosso. Si è svolta in questi giorni presso Palazzo Caracciolo, a Napoli, la presentazione della guida “Pizzerie d’Italia” firmata Gambero Rosso che celebra l’arte della pizza in tutta Italia alla ricerca dei migliori innovatori, ma soprattutto del gusto antico della buona pizza, preparata a regola d’arte. Arrivata ormai alla sua quinta edizione la manifestazione, punto di riferimento per gli appassionati del food e aspirazione per i maestri dell’arte della pizza, ancora una volta premia l’innovazione, il gusto e la passione.  Spicchi e rotelle sono stati assegnati alle pizzerie meritevoli di tale onore, tra queste si distingue “La Contrada”, pizzeria dell’hinterland aversano viene premiata con due spicchi. Alla sua titolare, Roberta Esposito, va invece il premio “Miglior Pizzaiola Emergente”, riconoscimento doppio dal momento che quella di Roberta è un’avventura tutta al femminile, cosa che la rende prima donna in questa edizione ad aver vinto il premio che le permette di entrare in una delle guide più autorevoli del food.  Tanta l’emozione e forse anche un po’ d’imbarazzo per Roberta, che non ama essere al centro dell’attenzione e preferisce dedicarsi alla sua cucina e alle sue pizze rendendo la sua passione il suo lavoro.  Il concetto di pizza per Roberta? Semplice e puro: prodotti di qualità, lavorazione della pasta e la ridefinizione del concetto di gourmet, che è da riconfigurarsi in quello di “buongustaio”. Anche una semplice Margherita o una Marinara possono essere gourmet purché lavorate con un impasto di qualità, con farina e prodotti di prima scelta.