Pagina Sport

Giugliano, "Sport contro il sistema delle mafie": conclusione con il Festival della Legalità

sport contro le mafie

Si è conclusa l'edizione 2017 di "Sport contro il sistema delle mafie", la kermesse sportiva volta alla promozione della legalità ed intrisa di valori sociali. Domenica 23 luglio riflettori accesi presso Fondo Italia a Varcaturo località nel comune di Giugliano, tenuta confiscata alla criminalità organizzata e da qualche anno affidata al Centro Nazionale Sportivo Fiamma della Campania che lo ha trasformato in emblema del cambiamento e della rinascita del territorio.

 Folta la partecipazione di cittadini, operatori, scolaresche per quello che è stato battezzato come il "Festival della Legalità": i giardini della tenuta nella mattinata sono diventati scenario per i giochi di squadra, laboratori educativi, mercatini per miele, frutta ed ortaggi a chilometri zero. Dopo la pausa pranzo realizzata in collaborazione con il servizio catering del gruppo "Di Francia", ripresa del festival con i workshop e le esibizione delle associazioni sportive dilettantistiche. La struttura ha in serata ospitato il convegno “Percorsi di legalità – Il progetto l’Orto degli Zii”. I prati del Fondo, infatti, sono stati trasformati in un mosaico di orti che singoli cittadini hanno la possibilità di curare e coltivare. Il progetto promosso e realizzato dal CNSF di Giugliano ha avuto la capacità di denotare proprio una netta demarcazione tra il passato ed il presente, tra il malaffare e la cultura della legalità: proprio laddove veniva coltivata cannabis, oggi, questi stessi terreni producono prodotti derivanti dalla passione e dal lavoro di onesti cittadini.

Al calar del sole spazio alla premiazione con relativo contest fotografico dal titolo “Il mio orto è più bello del tuo”. In serata, premiazione ufficiale dei giovani atleti protagonisti dei giochi all’aperto. Dalle 21, luci stroboscopiche e riff di chitarre e rulli di percussioni per concludere l'evento in musica con un concerto di gruppi emergenti.

 

Antonio Arzillo, presidente del CNSF Campania: "Sono doverosi innanzitutto i ringraziamenti: al Ministero delle Politiche Sociali per aver finanziato il nostro progetto "L'orto degli zii" contrassegnato da un anno di eventi, convegni ed attività. Ringrazio tutti i ragazzi provenienti da ogni parte d'Italia per la partecipazione a tutte le fasi del progetto, unitamente ai giovani studenti delle scolaresche che hanno dato adesione alle nostre iniziative durante tutto l'anno progettuale. Anche questa edizione di "Sport contro il sistema delle mafie" - conclude Arzillo - particolarmente significativa perche concomitante al venticinquesimo anniversario della morte di Paolo Borsellino, è stata entusiasmante e portatrice di energie e di idee per il prosieguo del nostro cammino per la promozione della legalità, un cammino che con tutti i collaboratori e soci del Centro Fiamma abbiamo intrapreso da qualche hanno, e proprio a loro va il più grosso ringraziamento perché senza una squadra affiatata e con la volontà di fare non saremmo riusciti a far nulla di tutto ciò".