Pagina Attualità

Coppia uccisa a Mestre: due video choc nel cellulare del professore. Anastasia sedata e poi filmata

Sono stati rinvenuti due video, nel telefono cellulare di Stefano Perale, i...
Coppia uccisa a Mestre: due video choc nel cellulare del professore. Anastasia sedata e poi filmata

Duplice omicidio di Mestre: migliaia a Sant'Arpino per l’addio a Biagio Buonomo

“Cosi’ come il sacrificio di Gesu’ sulla croce, ci risulta difficile com...
Duplice omicidio di Mestre: migliaia a Sant'Arpino per l’addio a Biagio Buonomo

Trentola Ducenta: uscito dal coma il finanziere ferito gravemente durante un inseguimento

Pasquale Gagliardi, il finanziere 27enne rimasto gravemente ferito il 6 giugno, dopo...
Trentola Ducenta: uscito dal coma il finanziere ferito gravemente durante un inseguimento

Sant’Antimo: “Rosa Di Domenico è stata rapita”. Ricercato Alì Quasib

Si è giunti ad una svolta grazie alla trasmissione "Chi l’ha Visto?", che si...
Sant’Antimo: “Rosa Di Domenico è stata rapita”. Ricercato Alì Quasib

San Cipriano d’Aversa: raid incendiario contro caseificio, di nuovo l'ombra del racket

Viglie del fuocoAncora un raid incendiario ai danni di un’attività commerciale nell'Aversano. Nella notte tra martedì e mercoledì è stata la volta del caseificio la “Nuova Casearia”, anch'esso situato in Via Acquaro a San Cipriano d’Aversa.

 Solo l'allerta lanciata da un passante ha scongiurato il peggio. L'uomo in un primo momento, mentre arrivavano i vigili del fuoco ha provveduto a spegnere in prima persona le fiamme. Sul posto i carabinieri di Casal di Principe, i quali hanno trovato anche tracce di liquido infiammabile, un elemento che fa ritenere agli investigatori che l'incendio sia di natura dolosa. Secondo gli inquirenti ignoti avrebbero appiccato il fuoco all’ingresso dell'esercizio commerciale. Negli ultimi mesi l'area è stata interessata da numerosi episodi analoghi ai danni di diverse attività commerciali. Si teme che i nuovi Casalesi stiano attuando attacchi mirati per terrorizzare e controllare la zona.

I titolari dell’attività, ascoltati dai militari dell’Arma, hanno riferito di non aver subito minacce, ma già due mesi fa il loro negozio fu al centro di un altro episodio simile. Anche in quel caso i piromani provarono ad incendiare l’ingresso del loro caseificio e trovarono alcuni vani danneggiati dal fumo.

Il negozio, che fortunatamente ha riportati pochi danni, ha riaperto nuovamente ieri mattina dopo profondi interventi di pulizia.