Alessia Cinquegrana: i suoceri non accettano il matrimonio, ma la coppia intende adottare anche una bimba

Alessia Cinquegrana Michele Picone matrimonio transIl matrimonio di Alessia Cinquegrana con Michele Picone, è stato un grande traguardo per la coppia, ma la cerimonia civile non è stata una passeggiata di salute. La giovane sposa, che ha dichiarato aver "vinto la battaglia contro lo Stato Italiano", ha dovuto anche in questa occasione fare i conti con scritte omofobe fuori al municipio e con l'assenza dei suoceri.

La famiglia di Michele infatti, non ha mai accettato questa unione e per questo non era presente alla cerimonia di ieri, ne tantomeno parteciperà a luglio quando la coppia si sposerà in chiesa.

Alssia, come ha ricordato ieri poco prima della cerimonia, ha ottenuto tutte le carte in regola per essere considerata donna: “In 11 mesi ho vinto la mia battaglia, adesso il sogno è quello di adottare un bambino”. La battaglia di Alessia non si ferma dunque qui, dopo la vittoria burocratica che ha visto trionfare il suo diritto di essere considerata donna dalla legge anche senza operazione, e dopo aver realizzato il sogno del matrimonio e non di una semplice unione civile, adesso intende adottare assieme al marito Michele una bambina.

LE PRIME NOZZE TRANS IN ITALIA. ECCO CHI SONO ALESSIA CINQUEGRANA E MICHELE PICONE

AVERSA: SI SPOSA IL PRIMO TRANS IN ITALIA, SCRITTE OMOFOBE SUI MURI FUORI AL MUNICIPIO

AVERSA: IL PRIMO MATRIMONIO TRANS D'ITALIA. ALESSIA CINQUEGRANA CONVOLA A NOZZE CON IL SUO MIGLIORE AMICO