Gricignano d'Aversa, Erreplast campione di "economia circolare", a Bruxelles per il futuro sostenibile

circulare economy

Insieme per raccontare l’impegno di chi ha investito sul nuovo modello di economia circolare illustrando tutti i vantaggi economici, sociali e ambientali di questa scelta.
Il 24 aprile prossimo l’azienda Erreplast del Gruppo Diana Ambiente sarà a Bruxelles con Legambiente e altri 99 Campioni Italiani dell’economia circolare, tra aziende, startup, istituzioni, associazioni e territori che percorrono con successo la strada della sostenibilità e della tutela ambientale.
L’appuntamento in Belgio rappresenta la destinazione finale del Treno Verde, il famoso convoglio ambientalista di Legambiente e Ferrovie dello Stato Italiane che ogni anno percorre la Penisola proponendo esempi di buone pratiche, storie vincenti e dati sugli attuali modelli di sviluppo. Quest’anno ha fatto tappa nelle maggiori stazioni del Paese per promuovere la sostenibilità che parte dal basso, dalle persone, dalla condivisione.
Durante la tappa alla stazione di Salerno – il 9 marzo scorso - il Presidente di Legambiente Campania, Michele Buonomo, ha insignito l’azienda ERREPLAST del Premio ‘Campione di economia circolare’ definendola “Uno dei primi esempi campani di economia circolare; un’impresa che dà onore a un territorio troppo spesso offeso e sottovalutato e che ricicla restituendo a nuova vita ciò che altrimenti finirebbe in discarica”.
Nel suo impianto, infatti, le cosiddette bottiglie di acque minerali in plastica selezionate e recuperate dalla SRI – la Società Recupero Imballaggi del Gruppo Diana Ambiente - sono pronte per essere trasformate in nuova materia prima di altissima qualità. L’azienda è uno dei principali produttori italiani di scaglie di PET da riciclo, denominato RIPET. Il suo impianto di riciclo è in grado di produrre oltre 20.000 tonnellate annue.
Legambiente ha scelto ci concludere l’edizione 2017 del Treno Verde con la destinazione al Parlamento Europeo di Bruxelles - dove è in corso la discussione per l’approvazione del pacchetto europeo sull’economia circolare. I 100 Campioni italiani incontreranno il vicepresidente della Commissione UE, Jyrki Katainen, e l’eurodeputata Simona Bonafè, relatrice delle norme in esame.
«Il titolo scelto quest’anno per il Treno Verde è “Ogni fine è un nuovo inizio” e la decisione di concludere a Bruxelles non è affatto casuale – sottolinea Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente -. Bruxelles è un nuovo inizio per chiedere alle Istituzioni europee di alzare il più possibile l’asticella del nuovo pacchetto di norme sull’economia circolare. Alla luce dei risultati già raggiunti in Italia e presentati durante questa edizione, che in alcuni casi rappresentano un primato assoluto a livello continentale, vogliamo un quadro di leggi molto ambizioso su un tema decisivo per il futuro dell’Europa, su un settore che genera guadagno, offre nuovi posti di lavoro e assicura notevole risparmio».
«Essere saliti a bordo del Treno Verde e aver ricevuto il titolo di Campione italiano rappresenta il riconoscimento a una nuova visione di economia che prevede impegno costante e quotidiano, con il passaggio da un’economia dell’usa e getta a un’economia circolare – dichiara Antonio Diana, Presidente dell’azienda Erreplast -. Abbiamo sempre creduto che la Green Economy ieri, e l’Economia circolare oggi, facciano bene all’ambiente, all’economia, all’occupazione e allo sviluppo. Ed ERREPLAST ne è un esempio tangibile».