Suicida per video hard, la mamma di Tiziana Cantone attacca i magistrati

Tiziana CantoneTeresa Giglio, la madre di Tiziana Cantone, la 31enne di Villa Literno suicidatasi il 13 settembre scorso dopo la diffusione sul web di video porno che la ritraevano, torna ad attaccare.

Questa volta la donna, attraverso un'intervista rilasciata al settimanale 'Oggi'- in edicola domani-  ha contestato la decisione di procedere all'archiviazione a carico dei cinque ragazzi ai quali Tiziana aveva inviato i video. La Giglio sostiene che "l'attività investigativa è stata minima e che non hanno mai acquisito nemmeno i tabulati telefonici.” Poi continua rivelando come la nonna di Tiziana si sia sentita male alla notizia dell'archiviazione e aggiunge: "Il momento peggiore è la notte. Per prendere sonno abbraccio il suo vestito". Nei giorni scorsi uno dei magistrati che ha condotto le indagini ha detto di voler valutare "se presentare querela per diffamazione" nei confronti della donna.

MORTE TIZIANA CANTONE: SCAGIONATI I CINQUE INDAGATI. LA MADRE: "UCCISA DAI MAGISTRATI"

RICHIESTA DI GIUDIZIO IMMEDIATO PER L'EX FIDANZATO DI TIZIANA CANTONE

SUICIDIO TIZIANA CANTONE: IL LEGALE DEL FIDANZATO DEPOSITA MEMORIA AL GIP