Pagina Cultura

Tour alla scoperta di Aversa sotterranea, la bellezza degli ipogei

Quello di Domenica 30 aprile, è un tour veramente speciale, perché sar&agrav...
Tour alla scoperta di Aversa sotterranea, la bellezza degli ipogei

In scadenza il bando per il 13° Premio Bianca d'Aponte nel ricordo di Fausto Mesolella

“Io vado avanti” amava dire Fausto Mesolella, storico direttore artistico del...
In scadenza il bando per il 13° Premio Bianca d'Aponte nel ricordo di Fausto Mesolella

Giordania e Italia unite nella professione. Architetti della facoltà di Aversa in delegazione ad Amman

Dal 4 Aprile al 09 Aprile, una delegazione composta da 24 professionisti, in larga parte d...
Giordania e Italia unite nella professione. Architetti della facoltà di Aversa in delegazione ad Amman

La tre giorni dello Sky Arte Festival

Teatro, musica, arte classica e contemporanea, fotografia, street art. Sky Arte porta a Na...
La tre giorni dello Sky Arte Festival

Taekwondo, Campionato Interregionale di Jesolo: Caputo straripante, è ancora oro!

Inarrestabile. Non c’è altro termine più adatto per definire il periodo che sta vivendo la giovanissima stella del Taekwondo, Giuseppe Caputo, originario di Teverola, dove si allena sotto l’occhio del padre/allenatore Gaetano Caputo. Gli ori ottenuti a Fondi, Ancona e Bari non hanno rappresentato un punto di arrivo l’atleta, che, alle interregionali venete tenutesi presso la località di Jesolo, si è imposto con grande determinazione sugli avversari, ottenendo la vittorio nei due incontri disputati. Nel secondo, in particolare, Caputo ha mostrato grande forza d’animo, non lasciandosi sopraffare dallo svantaggio iniziale e portando a casa il golden point finale. Un successo ottenuto nella mattinata di sabato 8 aprile dinanzi agli occhi dei 550 partecipanti del Pala Cornaro. “Sta crescendo moltissimo – dice Gaetano Caputo -. Credo che specie il secondo incontro sia la dimostrazione tangibile di quanto il ragazzo stia diventando esperto. E’ questo, indubbiamente, il messaggio che passa da una vittoria ottenuta in rimonta. E’ determinato mentalmente, oltre che fisicamente pronto. I complimenti vanno anche alle omonime Emma Barbato che, nei due incontri rispettivamente disputati, non hanno tradito le aspettative dando prova di grande carattere e conquistando l’oro. Buono anche il bronzo conseguito da Mario Limone, al suo primo incontro ufficiale”.