Pagina Cultura

Tour alla scoperta di Aversa sotterranea, la bellezza degli ipogei

Quello di Domenica 30 aprile, è un tour veramente speciale, perché sar&agrav...
Tour alla scoperta di Aversa sotterranea, la bellezza degli ipogei

In scadenza il bando per il 13° Premio Bianca d'Aponte nel ricordo di Fausto Mesolella

“Io vado avanti” amava dire Fausto Mesolella, storico direttore artistico del...
In scadenza il bando per il 13° Premio Bianca d'Aponte nel ricordo di Fausto Mesolella

Giordania e Italia unite nella professione. Architetti della facoltà di Aversa in delegazione ad Amman

Dal 4 Aprile al 09 Aprile, una delegazione composta da 24 professionisti, in larga parte d...
Giordania e Italia unite nella professione. Architetti della facoltà di Aversa in delegazione ad Amman

La tre giorni dello Sky Arte Festival

Teatro, musica, arte classica e contemporanea, fotografia, street art. Sky Arte porta a Na...
La tre giorni dello Sky Arte Festival

La figura di Mons. Giovanni Gazza, a 38 anni fu il Vescovo più giovane del mondo

gazza giovanni con Papa Giovanni Paolo IIMons. Gianni (come tutti lo chiamavano in Congregazione per distinguerlo dallo zio P. Giovanni) entrò tra i Saveriani nella casa di Grumone (CR) il 24.9.39. Dopo i due anni di ginnasio passò a S. Pietro in Vincoli (RA) per il Noviziato; l’8.9.42 emise la Prima Professione. Fu quindi a Parma (42-49) per gli studi Liceali e Teologici. Fu ordinato presbitero il 29.6.49.
Dopo l’ordinazione fu trattenuto in Casa Madre, incaricato dell’amministrazione dell’Ufficio Stampa e Propaganda. Trovò il tempo per iscriversi all’Università, ma non poté giungere alla Laurea perché i Superiori lo destinarono alle opere Saveriane del Brasile.
Mons. Gianni lavorò in Brasile dal gennaio 1957 al settembre 1966. Dapprima (57-59) come Direttore del Centro Saveriano di Azione Missionaria (CSAM) di S. Paulo, poi (59-62) a Jaguapità, PR come Rettore della prima Scuola Apostolica Saveriana del Brasile.
Nel 1962 gli fu chiesto di guidare come Vescovo la Prelazia di Abaetetè do Tocantins, PA: “quello che mi decise, dopo inevitabili titubanze ed ansietà, fu il ricordo del motto episcopale dello stesso Papa Giovanni: ‘Oboedientia et Pax’. Ero sicuro che non mi si offrivano onori o privilegi: piuttosto mi si chiedeva un’umile e generosa disponibilità a servire il Regno di Dio in una terra lontana, disagiata e certamente bisognosa di energie giovanili” (Omelia per il XXV di Episcopato, Aversa 10.12.87).
Fu ordinato Vescovo l’8.12.1962 e il suo servizio episcopale nella Prelazia, intercalato dalla partecipazione al Concilio Vaticano II, durò quattro anni.

Eletto Superiore Generale dell’Istituto il 3 settembre 1966, e riconfermato il 18.8.71, Mons. Gianni offrì il suo Servizio di Superiore per undici anni: “… E’ stato Superiore durante un periodo di transizione non facile. Ha portato la Direzione Generale da Parma a Roma… ha incoraggiato l’apertura all’internazionalizzazione… ha difeso con forza la Congregazione contro critiche superficiali… con la sua sapienza ha favorito la fioritura della novità del Vaticano II tra i Saveriani. Era un fratello tra i fratelli” (P. Maloney, 7.12.98).
Dal ’77 all’80 visse alla Casa Madre: “molto fraterno e amico di tutti, [dandoci a tutti] una testimonianza straordinariamente quotidiana di semplicità e di vita comune” (P. G. Ferrari, 9.10.87).

Il 27.11.80 fu nominato Vescovo di Aversa, una diocesi dove “le udienze quotidiane, i contatti personali con i sacerdoti ed i fedeli sono ininterrotti. Il Vescovo, praticamente, «non stacca mai»” (Lett. del 20.10.92). Prestò il suo servizio di Pastore per 12 anni. Poi, per motivi di salute dovette “staccare”: la notizia delle sue dismissioni apparve sull’Osservatore Romano del 25.5. 92.
https://dg.saveriani.org/it/comunicazioni/pubblicazioni/in-memoriam/item/gazza-mons-giovanni

(Nella foto Mons. Gazza durante la storica visita di Giovanni Paolo II ad Aversa il 12 e il 13 novembre 1990)