Pagina Cultura

Aversa accoglie la manifestazione per la sicurezza stradale

Sale l’attesa per il “V Memorial Luigi Ciaramella, Mario Grieco, Valerio Casti...
Aversa accoglie la manifestazione per la sicurezza stradale

Cesa: ottima riuscita per l'Asprinum Festival

Tre giorni di intensa attività con la piazza del paese invasa da un fiume di person...
Cesa: ottima riuscita per l'Asprinum Festival

Caivano: successo per la prima edizione del Canapa day

Gran bel successo della prima edizione di Canapa day, evento organizzato dalla Cooperativa...
Caivano: successo per la prima edizione del Canapa day

Aversa: parte il Festival della Lettura, tre giorni di eventi con tanti ospiti

Dal 9 all’11 giugno, ad Aversa, Palazzo Parente ospiterà la prima edizione de...
Aversa: parte il Festival della Lettura, tre giorni di eventi con tanti ospiti

La figura di Mons. Giovanni Gazza, a 38 anni fu il Vescovo più giovane del mondo

gazza giovanni con Papa Giovanni Paolo IIMons. Gianni (come tutti lo chiamavano in Congregazione per distinguerlo dallo zio P. Giovanni) entrò tra i Saveriani nella casa di Grumone (CR) il 24.9.39. Dopo i due anni di ginnasio passò a S. Pietro in Vincoli (RA) per il Noviziato; l’8.9.42 emise la Prima Professione. Fu quindi a Parma (42-49) per gli studi Liceali e Teologici. Fu ordinato presbitero il 29.6.49.
Dopo l’ordinazione fu trattenuto in Casa Madre, incaricato dell’amministrazione dell’Ufficio Stampa e Propaganda. Trovò il tempo per iscriversi all’Università, ma non poté giungere alla Laurea perché i Superiori lo destinarono alle opere Saveriane del Brasile.
Mons. Gianni lavorò in Brasile dal gennaio 1957 al settembre 1966. Dapprima (57-59) come Direttore del Centro Saveriano di Azione Missionaria (CSAM) di S. Paulo, poi (59-62) a Jaguapità, PR come Rettore della prima Scuola Apostolica Saveriana del Brasile.
Nel 1962 gli fu chiesto di guidare come Vescovo la Prelazia di Abaetetè do Tocantins, PA: “quello che mi decise, dopo inevitabili titubanze ed ansietà, fu il ricordo del motto episcopale dello stesso Papa Giovanni: ‘Oboedientia et Pax’. Ero sicuro che non mi si offrivano onori o privilegi: piuttosto mi si chiedeva un’umile e generosa disponibilità a servire il Regno di Dio in una terra lontana, disagiata e certamente bisognosa di energie giovanili” (Omelia per il XXV di Episcopato, Aversa 10.12.87).
Fu ordinato Vescovo l’8.12.1962 e il suo servizio episcopale nella Prelazia, intercalato dalla partecipazione al Concilio Vaticano II, durò quattro anni.

Eletto Superiore Generale dell’Istituto il 3 settembre 1966, e riconfermato il 18.8.71, Mons. Gianni offrì il suo Servizio di Superiore per undici anni: “… E’ stato Superiore durante un periodo di transizione non facile. Ha portato la Direzione Generale da Parma a Roma… ha incoraggiato l’apertura all’internazionalizzazione… ha difeso con forza la Congregazione contro critiche superficiali… con la sua sapienza ha favorito la fioritura della novità del Vaticano II tra i Saveriani. Era un fratello tra i fratelli” (P. Maloney, 7.12.98).
Dal ’77 all’80 visse alla Casa Madre: “molto fraterno e amico di tutti, [dandoci a tutti] una testimonianza straordinariamente quotidiana di semplicità e di vita comune” (P. G. Ferrari, 9.10.87).

Il 27.11.80 fu nominato Vescovo di Aversa, una diocesi dove “le udienze quotidiane, i contatti personali con i sacerdoti ed i fedeli sono ininterrotti. Il Vescovo, praticamente, «non stacca mai»” (Lett. del 20.10.92). Prestò il suo servizio di Pastore per 12 anni. Poi, per motivi di salute dovette “staccare”: la notizia delle sue dismissioni apparve sull’Osservatore Romano del 25.5. 92.
https://dg.saveriani.org/it/comunicazioni/pubblicazioni/in-memoriam/item/gazza-mons-giovanni

(Nella foto Mons. Gazza durante la storica visita di Giovanni Paolo II ad Aversa il 12 e il 13 novembre 1990)