Stefano Graziano: "Le scuse di Di Maio non emozionano, lui non sa nemmeno di cosa parla"

Stefano Graziano pdStefano Graziano, ex presidente del PD della Campania accusato il 26 aprile 2016 di concorso esterno in associazione camorristica e di corruzione elettorale, prosciolto definitivamente a distanza di nove mesi, ha parlato della sua vicenda e del giustizialismo mediatico.  

Graziano in studio nella trasmissione di La7 "l’Aria che tira" condotta da Myrta Merlino, ha ribadito che c’è un problema nel rapporto tra media e giustizia, dichiarando: "Resta una grande amarezza, ovviamente oggi sono più sollevato, ma in poche ore si può distruggere la vita di una persona, anche quando il sistema giustizia funziona come nel mio caso, ma c'è una gogna mediatica e parte l'assalto politico mediatico." L'ex presidente del Pd regionale continua: "A me le scuse di Di Maio non emozionano, perché in un paese civile è normale chiedere scusa quando si sbaglia, ma il tema più grave è la superficialità. Di Maio non sa nemmeno di ciò che parla, perché quando dice che i casalesi hanno interrato i rifiuti, lui non sa che la relazione approvata all'unanimità dal Parlamento, dalla commissione bicamerale rifiuti è firmata Graziano, è questo è  gravissimo. Cioè, io sono stato quello che ha fatto battaglia sulla vicenda rifiuti, casalesi e camorra. Quindi la superficialità e la gogna mediatica sono il tema vero con cui una democrazia avanzata deve fare i conti." 

CORRUZIONE ELETTORALE: ARCHIVIAZIONE PER STEFANO GRAZIANO

CAMORRA CAMPANIA: ARCHIVIATA INDAGINE SU STEFANO GRAZIANO