Pagina Attualità

Casal di Principe: "amore" violento fra donne. Tenta di uccidere la sua fidanzata, 23enne condannata

Una storia tra due giovani donne lesbiche è finita in violenza nell'Aversano. A pagare le...
Casal di Principe:

Sant’Antimo: evade dai domiciliari per fare una chiacchierata. Beccato dai carabinieri

Un 35enne nato ad Aversa ma residente a Sant’Antimo, ristretto ai domiciliari, ha deciso d...
Sant’Antimo: evade dai domiciliari per fare una chiacchierata. Beccato dai carabinieri

Giugliano: ragazzini fanno sesso tra i rifiuti, la denuncia dei cittadini

Alcuni minori sono stati beccati in via Vicinale Gianfelice, nei pressi di via Oasi S...
Giugliano: ragazzini fanno sesso tra i rifiuti, la denuncia dei cittadini

Aversa: rapina con sparatoria in Via Mancone, derubato noto imprenditore. Una Passante si sente male

Oggi intorno alle ore 12.30 alcuni delinquenti hanno messo a segno una rapina a mano armat...
Aversa: rapina con sparatoria in Via Mancone, derubato noto imprenditore. Una Passante si sente male

Finanziere arrestato, chiedeva soldi e fingeva di evitare controlli in azienda

FinanzaI finanzieri della locale Sezione di Polizia Giudiziaria, coadiuvati da militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Aversa, hanno eseguito un’ordinanza cautelare degli arresti domiciliari - emessa dal GIP del Tribunale di Napoli Nord su richiesta della Procura della Repubblica di Napoli Nord - per il reato di millantato credito nei confronti di un Ufficiale Superiore appartenente alla Guardia di Finanza, già da tempo sospeso dal servizio in quanto coinvolto in altre, pregresse vicende giudiziarie.

L’indagine è stata avviata dalle dichiarazioni di un amministratore di una società di Arzano, operante nel settore del pellame, il quale ha denunciato che al fine di evitare controlli alla propria azienda, nel 2013 ha consegnato 5mila euro all’Ufficiale che gli era stato presentato da un amico. L’imprenditore ha dichiarato anche di essere in possesso delle relative riprese video che documentano il passaggio di denaro.

L'inchiesta ha confermato il racconto dell'amministratore. Ieri, sulla base di quanto raccolto, per il finanziere è scattato l'arresto ai domiciliari. Nel corso delle verifiche è stato anche accertato che l'ufficiale non aveva poi tenuto fede alla promessa infatti l'azienda ha ricevuto un controllo da parte della Guardia di Finanza anche dopo il pagamento della somma.