Pagina Attualità

Gricignano di Aversa: si risveglia dal coma l'immigrato ferito dall'imprenditore che lo ospitava

Alagie Bobb, il 19enne gambiano ferito dall'imprenditore della struttura in cui era ospite...
Gricignano di Aversa: si risveglia dal coma l'immigrato ferito dall'imprenditore che lo ospitava

Sant'Antimo: attacco dinamitardo, tre negozi saltano in aria

Durante la notte scorsa, tre bombe artigianali sono state poste fuori ad altrettanti eserc...
Sant'Antimo: attacco dinamitardo, tre negozi saltano in aria

Giugliano: muore in ospedale, i familiari denunciano e chiedono giustizia

Un 63enne è morto all'ospedale San Giuliano di Giugliano ed i familiari hanno present...
Giugliano: muore in ospedale, i familiari denunciano e chiedono giustizia

Grumo Nevano: confermato l’arresto del Sindaco

Il tribunale del riesame di Napoli ha confermato gli arresti domiciliari per il primo citt...
Grumo Nevano: confermato l’arresto del Sindaco

Eco Transider: dopo la protesta, la Regione sospende l'autorizzazione. Rifiuti stoccati irregolarmente

Eco TransiderNei giorni scorsi 8000 persone hanno manifestato contro l'Ecotransider, l'azienda di Gricignano di Aversa, rinominata dai cittadini della zona "la fabbrica degli orrori". I manifestanti provenienti da numerosi comuni, tra cui: Teverola, Orta di Atella e Carinaro, hanno avviato la protesta insieme ai cittadini di Gricignano, esasperati per la puzza nauseabonda e preoccupati per la sorte della loro salute.

Dopo la protesta, il Dipartimento Ambiente della Regione Campania, ha emesso il provvedimento di sospensione dell'autorizzazione di esercizio dell'Ecotransider, l'impianto che si occupa di rifiuti pericolosi e non, per un periodo di trenta giorni.

Nel provvedimento sono stati resi noti i risultati dei sopralluoghi eseguiti dall'Arpac ad agosto e a settembre, dai quali emerge il mancato funzionamento dello scrubber, l'abbattitore degli odori per il trattamento delle emissioni gassose del capannone aziendale, rilevate anche gravi irregolarità nella gestione dell’azienda, consistenti principalmente nel mancato rispetto dei quantitativi limite di rifiuti da stoccare presso l’impianto, nonché della loro localizzazione in maniera difforme da quanto autorizzato. Durante i sopralluoghi inoltre, non era stato possibile visionare i registri di carico e scarico dei rifiuti. La Regione ha disposto pertanto, la sospensione momentanea che durerà per tutto il mese di ottobre, imponendo all'azienda i dovuti adeguamenti, la rimozione totale dal sito dei rifiuti gestiti in maniera irregolare ed il ripristino dei sistemi di abbattimento delle emissioni in atmosfera. Ai prossimi controlli, in caso di esito negativo, l'azienda potrebbe rischiare la revoca delle autorizzazioni.