Pagina Attualità

L'ombra del Clan dei Casalesi sul cimitero di Aversa

Lunedì Antonio Iovine detto "O' Ninno", avrebbe dovuto deporre al processo in cui è imputa...
L'ombra del Clan dei Casalesi sul cimitero di Aversa

Carinaro: giovane mamma perde la vita. Lutto nell'Aversano

Antonella Leone, giovane mamma di Carinaro, è venuta a mancare prematuramente lasciando pe...
Carinaro: giovane mamma perde la vita. Lutto nell'Aversano

Cesa: il sindaco Enzo Guida rassegna le dimissioni

Questa mattina, si è dimesso il sindaco di Cesa, Enzo Guida. Le dimissioni arrivano dopo q...
Cesa: il sindaco Enzo Guida rassegna le dimissioni

Casal di Principe: nascondeva armi e soldi nel controsoffitto di casa, arrestato 47enne

I Carabinieri di Casal di Principe, hanno arrestato in Traversa Madrano a Casal di Princip...
Casal di Principe: nascondeva armi e soldi nel controsoffitto di casa, arrestato 47enne

Eco Transider: dopo la protesta, la Regione sospende l'autorizzazione. Rifiuti stoccati irregolarmente

Eco TransiderNei giorni scorsi 8000 persone hanno manifestato contro l'Ecotransider, l'azienda di Gricignano di Aversa, rinominata dai cittadini della zona "la fabbrica degli orrori". I manifestanti provenienti da numerosi comuni, tra cui: Teverola, Orta di Atella e Carinaro, hanno avviato la protesta insieme ai cittadini di Gricignano, esasperati per la puzza nauseabonda e preoccupati per la sorte della loro salute.

Dopo la protesta, il Dipartimento Ambiente della Regione Campania, ha emesso il provvedimento di sospensione dell'autorizzazione di esercizio dell'Ecotransider, l'impianto che si occupa di rifiuti pericolosi e non, per un periodo di trenta giorni.

Nel provvedimento sono stati resi noti i risultati dei sopralluoghi eseguiti dall'Arpac ad agosto e a settembre, dai quali emerge il mancato funzionamento dello scrubber, l'abbattitore degli odori per il trattamento delle emissioni gassose del capannone aziendale, rilevate anche gravi irregolarità nella gestione dell’azienda, consistenti principalmente nel mancato rispetto dei quantitativi limite di rifiuti da stoccare presso l’impianto, nonché della loro localizzazione in maniera difforme da quanto autorizzato. Durante i sopralluoghi inoltre, non era stato possibile visionare i registri di carico e scarico dei rifiuti. La Regione ha disposto pertanto, la sospensione momentanea che durerà per tutto il mese di ottobre, imponendo all'azienda i dovuti adeguamenti, la rimozione totale dal sito dei rifiuti gestiti in maniera irregolare ed il ripristino dei sistemi di abbattimento delle emissioni in atmosfera. Ai prossimi controlli, in caso di esito negativo, l'azienda potrebbe rischiare la revoca delle autorizzazioni.